Assunzioni stagionali: Necessità o Clientelismo?

La seconda interrogazione tra quelle che il 7 Settembre 2018 i Consiglieri Vincenzo Tosti e Marilena Belardo del Gruppo Consiliare "Costruire Alternative" a cui fanno riferimento il nostro Collettivo, demA e Diversamente Ortesi, Vincenzo Russo (Movimento 5 Stelle) e Vincenzo Gaudino (Democratici e Riformisti) hanno protocollato 2 Mozioni e 4 Interrogazioni. 
Le passeremo in rassegna illustrandole e cercando di capire per ognuna cosa ci ha spinto a presentarla.

In virtù dell’assunzione di 11 lavoratori stagionali che si stanno occupando della raccolta rifiuti, sorgono domande e riflessioni che si legittimano se consideriamo la peculiarità del caso ortese. Continua a leggere Assunzioni stagionali: Necessità o Clientelismo?

“Rifiuti Zero” con Paul Connett ad Orta di Atella

Sarà Paul Connett, professore di chimica e tossicologia alla St. Lawrence University, nello stato di New York e tra i principali teorici della strategia “Rifiuti Zero” ad aprire la nuova edizione della Rassegna “Pretesti per Parlarne” organizzata dal Collettivo Politico Culturale “Città Visibile” in collaborazione con la Rete di Cittadinanza e Comunità.

Il prof. Connett parlerà della sua teoria riguardante la gestione dei rifiuti solidi urbani, tra i più fermi oppositori dell’incenerimento dei rifiuti la sua teoria composta da dieci fasi ruota a tre pilastri fondamentali: Riusare, Ridurre e Riciclare.

Interverranno all’evento che si terrà Domenica 8 Ottobre dalle ore 18:00 presso la Sala Consiliare di Orta di Atella anche Miriam Corongiu, contadina e attivista della Rete di Cittadinanza e di Comunità mentre la moderazione sarà affidata alla giornalista RAI Francesca Ghidini.

Questo incontro sarà un ulteriore occasione per contrapporre il nostro modello per affrontare il ciclo dei rifiuti rispetto a quello usato negli ultimi decenni” precisa Vincenzo Tosti, portavoce del Collettivo Città Visibile. “Vogliamo affermare in modo forte che esiste un’altra via a quella dell’incenerimento e delle discariche temporanee sulla carta e permanenti nei fatti come San Pancrazio e San Giorgio ad Orta di Atella dimostrano, vogliamo far conoscere la nostra visione di Città, dire agli ortesi che non dobbiamo rassegnarci alla mala gestione della cosa pubblica e vogliamo farlo partendo dalla gestione della raccolta rifiuti, non dall’emergenza ma dall’ordinarietà

Paul Connett, il massimo protagonista della crescente diffusione nel mondo di rifiuti zero, ripercorrerà i successi di questo nuovo percorso di cambiamento ed indicando come attuare concretamente i 10 passi per giungere ad una società a rifiuti zero, portando anche esempi di buone pratiche già iniziate in altri comuni e quindi riproducibili.

L’Utopia e la Bellezza. Il Calendario 2017 di Città Visibile

Sempre, nei giorni in cui giravo per Orta nella preparazione di questa serie di dipinti e foto, mi veniva in mente un’affermazione recita così:

L’Urbanesimo accentua il sottosviluppo del Cittadino e lo rende più incline al Consumo.

L’urbanesimo sfrenato di cui siamo vittima mi appare come qualcosa di estraneo al vecchio centro storico, un monumento all’amnesia che annienta la nostra memoria storica e genera una specie di cittadino straniero alla terra in cui vive. Nello stesso tempo, svuota gli indigeni di quel senso di appartenenza che è peculiarità della qualità della vita collettiva.

Un enorme blocco che ha trasformato la nostra città, ne ha cambiato la forma, oscurato la luce, sbiadito il colore. Mi appare questo nuovo spazio urbano come un non spazio, in cui vige l’assenza di limiti, dove il cittadino che vi abita è solo e diventa l’archetipo di quella omologazione pasoliniana che ha ispirato il mio progetto.

Un non spazio di cui non riesco a immaginare il colore, per questo l’ho dipinto e l’ho fotografato in bianco e nero. Né mi interessa se le foto sono prive di espressione: ho solo voluto attraverso esse documentare la  degradante realtà che mi circonda. Mentre nella rappresentazione del centro storico ho cercato di imprimere sulla tela e nelle foto l’immagine di quei colori che la mia terra mi rimanda dal passato, e che mi sognano davanti agli occhi, come un orgia di rossi, di arancio e di gialli che si adagiano nel grano quando felice e stanco tornavo dall’Astragata.

Credo che un programma alternativo a questo (sotto)sviluppo senza limiti sia imprescindibile, quello che Pasolini  amava chiamare “l’opera collettiva di un popolo” e che noi possiamo riconoscere in molti scorci del nostro centro storico, riconoscerla e difenderla alla stessa stregua con cui difendiamo l’opera d’arte di un grande autore.

Malapolitica porta a Malascuola. Cronaca di come si uccide il futuro.

Molte strutture non sono a norma, molte sono vecchie. Quelle nuove sono nate già vecchie. Gli ultimi allarmi che gettano ancora sale sulla ferita della carenza strutturale, di un servizio quasi mai degno di uno Stato che si definisce di diritto. A Orta non è cosa. A Orta non è Stato.

E bene fa la minoranza ad incalzare su questa realtà, nonostante l’interessamento sia strumentale ed ogni argomento, ogni problema assume i contorni di una resa dei conti tra vecchi alleati. Bene fa pure la maggioranza, a rassicurare i cittadini ed effettuare i sopralluoghi, anche se alla rinfusa e senza alcuna autocritica che pure s’imporrebbe doverosa dal momento che l’attuale sindaco è stato responsabile dell’edilizia scolastica anche nei decenni passati. Ovviamente fanno bene i genitori a preoccuparsi e a pretendere certezze e garanzie.

Ad Orta evidentemente tutti fanno bene, ma solo la politica può restituire un quadro chiaro della situazione. La politica: questa sconosciuta. La politica intesa nelle sue declinazioni di responsabilità e di programmazione. La responsabilità è quella che questa amministrazione deve assumersi insieme ai propri dirigenti e tecnici nel momento in cui decide di tenere aperta una struttura pubblica; la programmazione è quella che si pretende nella pianificazione di quegli interventi che sono ormai necessari e chissà se sufficienti a rendere “certificabili” gli istituti.

Nulla più e nulla meno rispetto a quello che detta la Costituzione Repubblicana, oggi così tanto amata che molti vorrebbero sfasciarla. Per cui deve essere garantito a tutti un livello di istruzione il più possibile qualitativamente e culturalmente omogeneo nel territorio nazionale.

Cerchiamo di essere chiari: se è vero che non si possono chiudere edifici scolastici che versano nelle stesse condizioni di sempre senza nessun evento rilevante da giustificare misure di emergenza, interrompendo l’anno scolastico di 3.000 alunni, è altrettanto vero che non si può pretendere che nel momento in cui un Tecnico Comunale certifica l’inagibilità di queste strutture si resti immobili facendo finta di niente. Praticamente siamo in attesa dell’evento rilevante.

Non è moralmente e politicamente accettabile restare nella condizione del non volersi assumere la responsabilità tecnica e politica dell’agibilità delle scuole e contemporaneamente non provvedere ad una programmazione degli interventi da effettuare con date certe e con una gestione trasparente da portare a conoscenza della cittadinanza.

Non c’è più tempo, le scorciatoie sono finite. Il Consiglio Comunale del prossimo 18 novembre rappresenta l’ultima occasione per i nostri amministratori per dimostrare di avere un minimo interesse a quello che abbiamo in comune loro malgrado: i ragazzi, il loro diritto allo studio, la loro sicurezza, il loro futuro.

Il sindaco e l’assessore di riferimento relazionino su come intendono intervenire sulle strutture; forniscano una programmazione seria con date certe sugli interventi. Diano il senso di aver finalmente assunto la gravità della situazione e la necessità di uscirne attraverso l’assunzione delle proprie responsabilità passate e di quelle, giocoforza, future.

Non ci si chieda però di sopravvivere anche a questa situazione così com’è, perché non lo accetteremo. Perché a tutto c’è un limite. Perché su questa vicenda il limite ce lo siamo già lasciati alle spalle.

La riforma costituzionale è un pacco

Uno degli argomenti più utilizzati dai  fautori del sì è quello del “contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni” (per dirla con le parole della scheda che avremo tra le mani il 4 dicembre).
Il tema del risparmio fa presa, è di facile comprensione, convince.
Proviamo a guardare in profondità. L’ideologia del risparmio è cosa buona e giusta a prescindere?
È utile, per spiegare le ragioni del no, avvitarsi in una discussione su quanto si risparmierebbe con la riforma a regime? Poco, molto.
A mio avviso bisogna cambiare il punto di osservazione. Radicalmente.

“Le riforme costituzionali non si fanno per risparmiare” dice Onida, presidente emerito della Corte Costituzionale, ed è un dire sacrosanto. Ci sono “cose”, appartenenti alla vita pubblica, sulle quali non si deve risparmiare. Queste “cose” sono i diritti, che hanno un costo, presuppongono un impegno. Quando esse sottostanno alla logica del comprare (e quindi del risparmiare) automaticamente degradano, non sono più diritti.
Per dirla in maniera più spicciola: il modo in cui si disegnano gli assetti costituzionali di un paese non deve essere condizionato dall’intento di risparmiare ma dalla volontà di approntare procedure e strumenti validi per produrre buone decisioni pubbliche, buone leggi. Se per questo c’è bisogno di risorse, sono i soldi spesi meglio.
L’ideologia del risparmio è perversa, anche.
Un esempio: l’esternalizzazione di una mensa scolastica comporta risparmio, non c’è dubbio, ma (nove volte su dieci) porta con sé la compressione del diritto ad una sana alimentazione per i  bambini e la precarizzazione  dei rapporti di lavoro di cuochi e personale vario. Voi, per i vostri figli, lo fareste questo  risparmio?
A chi ci parla di risparmio dobbiamo rispondere che noi siamo per l’equità, che è tutta un’altra cosa. Per la giustizia. L’ideologia del risparmio calata in un sistema profondamente iniquo come il nostro può generare mostri.
Tornando alla riforma: il presunto risparmio è, a mio avviso,  l’effetto collaterale di una “riduzione” della democrazia e, in quanto tale, è proprio inaccettabile.
Per i fautori del cambiamento in peggio (così comincerei a chiamare quelli del sì) molti risparmi si avranno dalla modifica del titolo quinto della Costituzione. Il “prezzo” da pagare per questo risparmio è la massiccia concentrazione del potere nelle mani dello stato centrale a danno dei territori.
Per inciso: la dialettica territori-stato centrale è definitivamente “asfaltata” dalla cosiddetta clausola di supremazia, in nome della quale il potere centrale può avocare a sé praticamente  ogni  tipo di decisione.
La promessa che sarà il nuovo Senato il luogo in cui avverrà la composizione tra gli interessi locali e quelli della “nazione” è di per sé la conferma che la “periferia” non conterà più nulla: la “rappresentanza” dei territori ( tra l’altro esercitata da “personale politico” non eletto direttamente) confluisce in una camera che, per stessa ammissione dei fautori del cambiamento in peggio, è una camera di serie b che in molte materie non ha alcun potere “contrattuale” di fronte all’altra camera e al governo.
Ecco: questo nuovo assetto fa risparmiare dei soldi, forse ( il risparmio deriverebbe dalla diminuzione, tutta da dimostrare, dei conflitti tra stato e regioni). Ma quanto costa in termini di democrazia, autodeterminazione, bilanciamento dei poteri?
Ogni volta che ci parlano di risparmi dovremmo chiederci: “su cosa stiamo risparmiando?” ; la risposta a questa semplice domanda offre la possibilità di distinguere tra compressione dei diritti e produzione di maggior giustizia.
Stesso discorso per il risparmio frutto del ridisegno del Senato. In questo caso la domanda è: il risparmio compensa il disastroso nuovo procedimento legislativo proposto dagli estensori della riforma costituzionale?
Qui il “regalo” del Governo in carica è  incartato proprio bene: ben 215 senatori in meno, che volete di più? (La mera diminuzione del numero dei politici sarebbe l’acqua santa che trasforma la pessima politica in buona politica).
Poi scarti il “pacco” e dentro ci trovi un nuovo iter per produrre norme e decisioni pubbliche che, in nome del “saper decidere”, strozza ogni dialettica parlamentare, ingarbuglia i procedimenti, mette tutto (ma proprio tutto) nelle mani della maggioranza.
“La riforma è un pacco” ho sentito dire in ambienti non proprio accademici. Definizione poco tecnica ma decisamente aderente alla realtà, secondo me.
Guardi una televendita, ti convince l’abile presentatore, “risparmio un sacco” ti dici, hai anche quella leggera eccitazione (direbbe Gaber). Telefoni e fai l’ordine. Poi, quando scarti il pacco che “celermente” ti è arrivato, scopri che dentro c’è l’esatto contrario di quello che ti avevano venduto.
Non fermatevi alla bella e patinata carta, scartate il pacco prima del 4 dicembre.

Pretesti per parlarne: incontro con Francesco Pallante

Giovedì 27 Ottobre alle 19:30 si terrà, presso il Chiostro del Convento dei Frati Minori in P.zza San Salvatore a Orta di Atella, la presentazione del libro “Loro diranno, noi diciamo” di Gustavo Zagrebelsky e Francesco Pallante.

All’incontro organizzato dal Collettivo Politico Culturale “Città Visibile”, all’interno della rassegna “Pretesti per Parlarne”, parteciperanno l’autore Francesco Pallante, professore di Diritto Costituzionale presso l’Università di Torino e Giuseppe Cerreto, del Collettivo Città Visibile e responsabile del Comitato Atellano per il NO. Modererà l’incontro Renato Briganti, professore di Diritto Pubblico.

Loro diranno, noi diciamo è un libro quanto mai attuale, che servirà da spunto per parlare di politica, Costituzione e soprattutto del Referendum Costituzionale su cui saremo chiamati ad esprimerci il 4 Dicembre.

Nel saggio, diventato il manifesto delle ragioni del NO alla riforma, gli autori argomentano contro le modifiche della Costituzione – di cui si vorrebbero cambiare ben 47 articoli (oltre un terzo del totale) – e contro la legge elettorale, per il rinnovamento di una democrazia partecipata. Oltre alle critiche di merito (contraddizioni, errori concettuali, complicazione del sistema), vengono messe in evidenza le forzature procedurali che hanno connotato il percorso di approvazione delle due leggi. Ne emerge un quadro tutt’altro che rassicurante: le nuove regole del gioco politico risultano essere, a giudizio degli autori, sempre più un’imposizione unilaterale basata su rapporti di forza incostituzionali – leggi approvate in tutta fretta e al costo di qualunque forzatura.

Il libro si chiude offrendo al lettore il confronto, articolo per articolo, del testo della Costituzione vigente con quello che scaturirebbe dalla riforma. Ciò allo scopo di offrire al cittadino una chiara visione d’insieme del nuovo dettato costituzionale.

Una presentazione che va nel solco dell’impegno nella campagna referendaria per il NO, nella quale il Collettivo Città Visibile è impegnato, essendo tra i promotori del Comitato Atellano per il NO.

Pretesti per parlarne: Storia dell’Italia Mafiosa il 10 giugno

Storia dell’Italia Mafiosa” del Professore Isaia Sales sarà al centro di un nuovo incontro organizzato dal Collettivo Politico Culturale Città Visibile nell’ambito della rassegna “Pretesti per Parlarne”.

La presentazione si terrà Venerdì 10 Giugno dalle ore 18:30 nelle Sale all’interno del Chiostro del Convento dei Frati Minori in Piazza San Salvatore di Orta di Atella.

Il libro dello studioso edito da Rubbettino, frutto di tre anni di ricerche sulla mafia vista come componente essenziale della storia d’Italia e non solo come fenomeno delinquenziale. Proprio nella sua capacità di essere “nella storia” il fenomeno mafioso ha mostrato la sua persistenza, la sua peculiarità conservatrice, fondata sulla capacità di essere un sistema di potere in continua relazione con altri poteri, di saper stringere patti anche con quello Stato che avrebbe dovuto combatterla senza mai mostrare reticenze a farlo.

E cosi le mafie, nate sotto il dominio dei Borbone, prolificate nello Stato unitario, hanno seguitato e seguitano a esistere, adeguando le manifestazioni del proprio potere allo scorrere del tempo.

Un incontro che verrà la partecipazione dell’autore, Isaia Sales docente di Storia delle mafie all’università Suor Orsola Benincasa di Napoli, editorialista del Corriere del Mezzogiorno e convinto assertore del fatto che le mafie siano state e siano anch’esse partecipi dell’autobiografia della nazione. Quindi non un fenomeno di contorno. E certamente non un fenomeno limitato esclusivamente al Mezzogiorno del nostro paese.

Con l’autore sarà presente il Magistrato Giovanni Conzo, Procuratore Aggiunto a Benevento e già Sostituto a Torre Annunziata, Santa Maria Capua Vetere e alla Direzione distrettuale antimafia di Napoli, nonché autore di numerose pubblicazioni e con un passato di lotta alle mafie straniere e alla criminalità organizzata.

A moderare la discussione la Giornalista Francesca Ghidini inviata speciale della RAI che si occupa di ambiente ed ecomafie da 15 anni. Sulla Terra dei Fuochi, ha realizzato dirette e reportage per Ambiente Italia (RAI 3), TG1, TG2 e RAI News 24. Ha dedicato numerose inchieste alle collusioni tra politica e camorra in Campania.

L’introduzione alla discussione sarà curata dal Collettivo Città Visibile e sarà l’occasione per la sottolineatura dei nessi storici tra politica e camorra nei nostri territori.

Ambiente, politica, salute: la storia di Roberto Mancini a Orta di Atella

Io, morto per dovere” il libro sulla vera storia di Roberto Mancini, il poliziotto che ha scoperto la Terra dei Fuochi, che ha ispirato la fiction RAI con Giuseppe Fiorello “Io non mi arrendo” sarà al centro dell’incontro organizzato dal Collettivo Politico Culturale Città Visibile in programma per Sabato 02 Aprile dalle ore 17:30 presso la Sala Consiliare del Comune di Orta di Atella.

“Un iniziativa che va nel solco di quanto già organizzato dal nostro Collettivo” ha dichiarato il Presidente di Città Visibile Vincenzo Tosti “Il libro scritto da Nello Trocchia e Luca Ferrari sarà sia un modo per omaggiare una grande persona che molti di noi, attivisti in questi territori, hanno avuto l’onore di conoscere, sia un momento di riflessione e di denuncia, un pretesto per affrontare argomenti come la Terra dei Fuochi e di come la gestione di questa ecatombe ambientale e sanitaria sia stata affrontata con approssimazione e riluttanza non solo dal potere centrale ma anche dalle amministrazioni locali”.

Saranno presenti all’incontro uno dei due autori, Nello Trocchia, cronista per “Il Fatto Quotidiano, l’Espresso e La7 (La Gabbia), la vedova di Roberto Mancini, Monika Dobrowolska, Sandro Ruotolo firma di spessore del Giornalismo Italiano che dal maggio del 2015 vive sotto scorta dopo aver ricevuto minacce da Michele Zagaria, boss dei Casalesi, a causa delle sue inchieste sul traffico di rifiuti tossici in Campania e la giornalista del Corriere della Sera Amalia de Simone che modererà l’incontro.

Roberto Mancini era il poliziotto comunista che per primo si è messo sulle tracce dei veleni sversati nella terra dei fuochi. Già 20 anni fa, quando era nella Criminalpol, aveva scovato nomi e trame di un sistema criminale fatto di connivenze tra imprenditoria e camorra, politica e massoneria. I risultati di quell’inchiesta sono contenuti nelle sue informative rimaste a lungo chiuse nei cassetti della Procura Antimafia di Napoli. Roberto Mancini è morto il 30 Aprile 2014 per un tumore contratto durante i sopralluoghi sui terreni avvelenati di Gomorra. È stato riconosciuto dal Ministero dell’Interno come “vittima del dovere”, ma la sua speranza più grande è ancora viva: i suoi rapporti infatti stanno giocando un ruolo fondamentale nel processo contro Cipriano Chianese, l’ideatore dell’ecomafia, sotto accusa per disastro ambientale.

Il volume, nelle librerie dal 12 Febbraio, racconta la vita e le verità di Roberto Mancini attraverso le testimonianze dei familiari, dei suoi amici più cari, dei colleghi di quel periodo e dei suoi documenti d’indagine. Ma mette a nudo anche il silenzio delle istituzioni e l’assenza dello Stato. Roberto Mancini è stato stroncato dalla malattia, ma prima ancora lo hanno ucciso l’indifferenza e l’omertà. Se la sua battaglia umana e professionale fosse stata accolta prima si sarebbe potuto evitare il più grande inquinamento territoriale d’Italia. Il testo contiene anche una lettera di Mancini, che avrebbe dovuto essere l’incipit di un libro che aveva iniziato a scrivere.

È finito il teatrino!

“Servizio trasporto disabili assente”;
“Banco Alimentare sospeso da 6 mesi”;
“Refezione scolastica che non parte”;
“Aule non a norma nel Centro Pastorale”;
“Stipendi non pagati ai dipendenti della raccolta rifiuti”.

Le motivazioni che hanno portato in questi mesi quattro esponenti della maggioranza a passare in minoranza (e non all’opposizione: opposizione è un’altra cosa…) sono davvero nobili, o meglio sarebbero stati nobili se queste persone fossero degli idealisti che credevano di essersi imbarcati in un’avventura elettorale con Pepe Muijca, salvo poi scoprire che il loro Sindaco altro non era che un novello Caligola.

Purtroppo questa purezza d’animo ai “4 dissociati” non riusciamo a riconoscerla, sia ben inteso non sul piano umano, ma politicamente. Loro sapevano cosa era il carrozzone elettorale che avevano deciso di abbracciare; l’assenza di una programmazione politica di ampio respiro era il cardine del loro programma. Chi ha sostenuto le liste del sindaco Mozzillo (salvo qualche riempilista inconsapevole) era ben cosciente che il loro ruolo altro non era che l’occupazione di un luogo di potere in conservazione di ciò che negli anni precedenti si era fatto: fare la guardia al Piano Urbanistico Comunale e mettere qualcosa a posto in attesa del Commissariamento o, addirittura, nell’attesa che in altri e alti livelli si lavorasse per scongiurare il commissariamento.

Lo stesso Sindaco Mozzillo, che probabilmente riteneva la sua avventura di più breve durata, ad un certo punto si sarà lasciato ingolosire dalla situazione. Egli infatti non ha perso tempo nel costruirsi intorno una cerchia politica che, nelle sue intenzioni, lo avrebbe dovuto accompagnare nel caso questo benedetto scioglimento non fosse arrivato e costruirsi una maggioranza che fosse risicata ma non più ricattabile dai cosidetti dissidenti. Così avrà pensato di poter pagare qualche cambiale elettorale e mandare qualche “pizzino” ai nuovi nemici politici paventando la cacciata della Pubbliservizi.

Ma davvero Orta ha tempo per questo imbarazzante teatrino?

Non sarebbe meglio che, invece delle motivazioni di facciata, questi signori (tutti) si decidessero di farci sapere la reale condizione del nostro Comune? Che queste persone ci facessero conoscere la situazione debitoria, ma anche la situazione strutturale che stiamo vivendo, dato che questa condizionerà la vita dei cittadini per i prossimi 20 anni?

Perché costoro non spiegano ai cittadini come funziona il ciclo virtuoso che dovrebbe portare alla costituzione dei soldi per retribuire i dipendenti della raccolta rifiuti e soprattutto, dove si inceppa questo circuito? C’erano fondi per la creazione di un Polo Scolastico e la ristrutturazione delle strutture scolastiche esistenti? Se sì, che fine hanno fatto questi soldi? Perchè il servizio di mensa scolastica non viene appaltato? Ci sono interessi che non conosciamo?

Questo tipo di denuncia avrebbe fatto dei quattro consiglieri dissociati dal Sindaco, esponenti dell’opposizione e non semplici consiglieri che per calcolo politico passano dalla maggioranza alla minoranza.

Questo tipo di denuncia avrebbe fatto del Sindaco un amministratore con la schiena dritta, che non accetta i dettami di vecchi politici nell’ombra e non un delfino che sogna di diventare squalo.

Questo tipo di denuncia avrebbe fatto di questa Consiliatura un referente decente col quale cominciare a fare un discorso politico; invece, resta la cosa per cui è nata, ovvero il presidio del potere e la tutela degli interessi di pochi. Una perdita di tempo per i cittadini, non certo per loro. Una grande e costosa perdita di tempo.

Orta di Atella: un paese senza Capodanno

Orta di Atella non avrà il suo Capodanno.

E non per colpa dei mille problemi che la attanagliano. Non per la ribalta mediatica che l’ha vista quest’anno sulle reti nazionali dall’Assenteismo dei Dipendenti Comunali alla Mensa Fantasma, non per la raccolta rifiuti che si blocca puntualmente nei periodi di maggiore criticità, né tantomeno per i bambini che non hanno una scuola e sono costretti a frequentare da accampati il Centro Pastorale.

Non sarà Capodanno non perché dei milioni di euro stanziati per il Polo Scolastico e il rifiacimento delle strutture esistenti non si ha più notizia.

Ad Orta non sarà Capodanno perché non ci sarà discontinuità nella linea politica che l’ha accompagnata negli ultimi decenni. Nessun consuntivo da fare quindi, semplicemente perché la partita non è chiusa, è sempre la vecchia gestione che ha dato una mano di intonaco alla facciata.

Che sia chiaro, noi non abbiamo niente contro questa amministrazione, da quando è stata eletta ha messo in campo la migliore politica del territorio degli ultimi decenni: “l’immobilismo”.

Erano anni che un’amministrazione non faceva così pochi danni. Erano anni che a 6/7 mesi dalla proclamazione (quanto tempo è passato? Sembra una vita) nessuno avesse qualcosa di importante da recriminare al Sindaco.

Una linea piatta dopo decenni in cui la curva del buon governo era stata abbondantemente sotto lo zero, è comunque un buon risultato.

Niente! Nemmeno una cosa!

E di questo vogliamo essere grati al Sindaco. Giusto il bilancio (che era atto dovuto), neanche l’ombra di una maggioranza e una minoranza politica, la giunta tecnica nominata e dimissionata e poi il vuoto.

Ora però nel ringraziare il Sindaco Mozzillo per i servizi offerti alla comunità, nel ribadire che ad oggi è stato il miglior Sindaco di Orta di Atella degli ultimi 30 anni gli chiediamo la cortesia di farsi da parte, perché apprezziamo lo sforzo che ci mette nel non fare danni ma Orta di Atella dopo la “politica del fare” di brancacciana memoria, dopo la sua “politica del non fare” ha bisogno della “politica che fa altro” rispetto a quello fatto finora, e lui questa politica non la può fare e non è in condizione di farla.

Non la può fare perché oltre ad essere il miglior Sindaco degli ultimi 30 anni è stato anche tra i peggiori Assessori all’Urbanistica della storia di Orta di Atella, perché è ricattato politicamente dalla propria maggioranza ma soprattutto perché semplicemente non ha nessun interesse a farlo.

Bisogna azzerare tutto, avere il coraggio di aprire il vaso di Pandora e guardarci dentro senza paura dei demoni del passato che ne potrebbero uscire ma soprattutto perché chi crea danni è il meno indicato a risolverli e certamente non processa se stesso o le esperienze amministrative del passato dove comunque è stato protagonista.

Qualcuno potrà dirci che le persone cambiano e soprattutto che è legittimo cambiare idea, d’altronde guardando al recente passato la più aspra opposizione a Brancaccio è stata fatta da chi a Brancaccio deve molto del proprio percorso politico. Offriamo quindi un’ancora al Sindaco, un’occasione per redimersi. Sospenda il Piano Urbanistico, oggetto di interpretazioni ambigue da parte del TAR; si faccia ricordare come il Sindaco che ha rimesso tutta la posta nel piatto e ha rimescolato le carte, come l’uomo che ha preso il PUC e l’ha stracciato, per mettere mano a un nuovo Piano Urbanistico Comunale improntato sul Bene Comune e i Servizi, concertato con i cittadini che punti al superamento della politica del Cemento e che si ponga lontano da qualsiasi sospetto di conflitto di Interesse.

Signor Sindaco regali un Capodanno al suo paese, regali un Anno Zero da cui ripartire, perché altrimenti Orta non ha niente da festeggiare e soprattutto non ha un nuovo anno da cominciare se quello che viene è accompagnato dallo stesso torpore di quello che è passato.