Ambiente, politica, salute: la storia di Roberto Mancini a Orta di Atella

Io, morto per dovere” il libro sulla vera storia di Roberto Mancini, il poliziotto che ha scoperto la Terra dei Fuochi, che ha ispirato la fiction RAI con Giuseppe Fiorello “Io non mi arrendo” sarà al centro dell’incontro organizzato dal Collettivo Politico Culturale Città Visibile in programma per Sabato 02 Aprile dalle ore 17:30 presso la Sala Consiliare del Comune di Orta di Atella.

“Un iniziativa che va nel solco di quanto già organizzato dal nostro Collettivo” ha dichiarato il Presidente di Città Visibile Vincenzo Tosti “Il libro scritto da Nello Trocchia e Luca Ferrari sarà sia un modo per omaggiare una grande persona che molti di noi, attivisti in questi territori, hanno avuto l’onore di conoscere, sia un momento di riflessione e di denuncia, un pretesto per affrontare argomenti come la Terra dei Fuochi e di come la gestione di questa ecatombe ambientale e sanitaria sia stata affrontata con approssimazione e riluttanza non solo dal potere centrale ma anche dalle amministrazioni locali”.

Saranno presenti all’incontro uno dei due autori, Nello Trocchia, cronista per “Il Fatto Quotidiano, l’Espresso e La7 (La Gabbia), la vedova di Roberto Mancini, Monika Dobrowolska, Sandro Ruotolo firma di spessore del Giornalismo Italiano che dal maggio del 2015 vive sotto scorta dopo aver ricevuto minacce da Michele Zagaria, boss dei Casalesi, a causa delle sue inchieste sul traffico di rifiuti tossici in Campania e la giornalista del Corriere della Sera Amalia de Simone che modererà l’incontro.

Roberto Mancini era il poliziotto comunista che per primo si è messo sulle tracce dei veleni sversati nella terra dei fuochi. Già 20 anni fa, quando era nella Criminalpol, aveva scovato nomi e trame di un sistema criminale fatto di connivenze tra imprenditoria e camorra, politica e massoneria. I risultati di quell’inchiesta sono contenuti nelle sue informative rimaste a lungo chiuse nei cassetti della Procura Antimafia di Napoli. Roberto Mancini è morto il 30 Aprile 2014 per un tumore contratto durante i sopralluoghi sui terreni avvelenati di Gomorra. È stato riconosciuto dal Ministero dell’Interno come “vittima del dovere”, ma la sua speranza più grande è ancora viva: i suoi rapporti infatti stanno giocando un ruolo fondamentale nel processo contro Cipriano Chianese, l’ideatore dell’ecomafia, sotto accusa per disastro ambientale.

Il volume, nelle librerie dal 12 Febbraio, racconta la vita e le verità di Roberto Mancini attraverso le testimonianze dei familiari, dei suoi amici più cari, dei colleghi di quel periodo e dei suoi documenti d’indagine. Ma mette a nudo anche il silenzio delle istituzioni e l’assenza dello Stato. Roberto Mancini è stato stroncato dalla malattia, ma prima ancora lo hanno ucciso l’indifferenza e l’omertà. Se la sua battaglia umana e professionale fosse stata accolta prima si sarebbe potuto evitare il più grande inquinamento territoriale d’Italia. Il testo contiene anche una lettera di Mancini, che avrebbe dovuto essere l’incipit di un libro che aveva iniziato a scrivere.

Le gambe corte della legalità

Alfano, paladino dell’Antimafia, ha certificato che ad Orta di Atella non c’è (e probabilmente non c’è mai stata) alcuna anomalia democratica. Con una firma, più forte del classico colpo di spugna, ha cancellato mesi di lavoro della Commissione d’accesso. Da questo momento in poi, ogni cosa è normale e le decine di inchieste sul nostro paese, che settimanalmente lo fanno balzare agli onori delle cronache, non hanno intaccato in modo concreto, univoco e rilevante la sua vita amministrativa.

A quanto pare, aveva ragione chi ha fatto finta di niente, chi ha partecipato e ha fatto una campagna elettorale trattando il nostro come un paese normale; tuttavia, non aveva torto chi, per quanto ne dica Alfano, questa anomalia democratica la vedeva eccome.

Certamente non aveva torto chi chiedeva che il Ministero attendesse questo pronunciamento prima di indire nuove elezioni, magari perché quegli elementi di concretezza, univocità e rilevanza gli sembravano abbastanza palesi.

Tuttavia, oggi la nota ministeriale restituisce una verità giudiziaria chiara, per quanto assurda, e offre allo stesso tempo l’opportunità affinché i mille problemi di Orta di Atella tornino centrali. Si rompa l’attesa di chi aspettava che il Ministro facesse il suo dovere e si torni finalmente a valutare l’operato politico di un amministrazione, che se resiste alla prova scioglimento, rischia invece di non sopravvivere allo scioglimento politico della propria maggioranza.

Il nostro Collettivo non pensava che la cacciata dal palazzo per mano del prefetto fosse la soluzione a tutti i mali; certo, ce l’auguravamo. Pur essendo consapevoli da sempre che la rinascita di Orta di Atella passi attraverso la cacciata della vecchia politica dal palazzo per mano dei cittadini, pensavamo che un periodo di reset amministrativo, non condizionato da “cambiali” elettorali da onorare e interessi strani da tutelare, avrebbe fatto bene al nostro paese.

Perché di concreto, univoco e rilevante restano i palazzoni; l’assenza di servizi e di strutture scolastiche; le discariche, i roghi e la spazzatura che tra poco è destinata a restare nuovamente fuori i nostri portoni; il deficit finanziario e una struttura comunale messa alla gogna come modello di assenteismo.

Di concreto, univoco e rilevante resta l’esigenza di un cambiamento che mai come ora dove avere forti e solide basi politiche.

Non ci interessa delle eventuali implicazioni giudiziarie per questi signori.
Noi lavoriamo perchè costoro non vengano più votati. Lavoriamo per creare dal basso un’alternativa che riesca a mettersi alle spalle vent’anni di mala politica.

Al Ministro Alfano è bastata una semplice firma per cancellare mesi di lavoro della Commissione d’accesso; ma non gli basterebbe tutto l’inchiostro o la vernice del mondo per coprire lo scempio e gli sfregi che rovinano la faccia di Orta. Per quello servirebbe la Politica.

Un’altra Politica.