Un passo in avanti

Abbiamo letto quest’articolo di Alessandra Tommasino sulla “vicenda De Michele” che fa il punto della situazione soprattutto per quanto riguarda la sua ricaduta su Orta di Atella.

Un articolo che pone quesiti legittimi a cui sembra che la magistratura stia già cercando di rispondere ma oltre a consigliarlo volevamo contribuire alla discussione con altri spunti.

C’è un ombra di ambiguità nella posizione che ha tenuto l’ex Maggioranza Amministrativa che noi riteniamo vada necessariamente chiarita, un’ambiguità che va oltre il sostegno ricevuto dalla Lista Coraggio come bene evidenziato dal Partito Democratico e dall’Associazione #ADO.

Continua a leggere Un passo in avanti

Lettera accorata e aperta alle Commissarie

Rivolgiamo questa lettera alle Commissarie che saranno pure prefettizie, ma pure un poco del popolo

Occorre restare a casa.
Come segno di responsabilità pubblica. Come atto di civiltà.
Non ci sono alternative a questo stato delle cose. Lo impone l’emergenza del momento, che ci chiede tutti di fermare la contagiosità del virus, di ridurre al minimo la possibilità di fornirgli nuovi ospiti.
Ma è proprio nella mancanza di alternativa che si evince tutta la tragicità di questo momento storico, nel fatto che nel mentre si chiede a chiunque di fare la propria parte in nome della salvaguardia della salute pubblica, ognuno di noi ha accettato di mettere in deroga l’esercizio ordinario di altri diritti fondamentali.

Continua a leggere Lettera accorata e aperta alle Commissarie

Contro i mulini a vento

Questo articolo fa parte del numero di Marzo de "La Città Visibile"  foglio Informativo del Collettivo che puoi leggere e scaricare qui

Incasellate in categorie di PornHub, muse ispiratrici,  promotrici che vendono qualsiasi prodotto  avvicinandolo alle labbra, ore di lavoro non retribuite, bambole gonfiabili, gattine la cui attenzione viene richiamata con versi animaleschi.

Le donne sono sempre altro, mai esseri umani.

Questa oggettificazione, questa disumanizzazione è frutto di un sistema millenario sul quale la nostra società si fonda: il Patriarcato.

Continua a leggere Contro i mulini a vento

Il numero di Marzo 2020

Foglio Informativo del Collettivo Politico – Culturale “Città Visibile”

Anno Tre Numero Zero
MAI PIÙ COMMISSARIATI
Mese di Pubblicazione: Marzo 2020

COMUNICATO
Questa Domenica era prevista la distribuzione del numero di Marzo del nostro giornalino.
La modalità doveva essere quella di sempre, fuori le chiese e i bar e nelle strade a contatto con i cittadini per parlare dei problemi della nostra Orta di Atella e avere l’occasione per raccontare l’idea di Città che abbiamo in mente.
Questo numero è stato pensato quando gli eventi circa il Coronavirus non erano precipitati e ancora doveva assumere i contorni che ha poi assunto negli ultimi dieci giorni.
Nonostante la realizzazione e la produzione di questo giornale ci costi (in molti sensi) abbiamo deciso di annullare la distribuzione “mano a mano” non solo per essere quanto più ossequiosi alle misure emanate per contrastare la diffusione del virus ma soprattutto come forma di rispetto nei confronti dei nostri concittadini che nel clima attuale possono sentirsi a disagio nel vederselo consegnare. Tuttavia riteniamo che non sia giusto fermare il dibattito politico attorno al futuro del nostro paese e quindi anche se non ci sarà la distribuzione cartacea il giornale sarà disponibile on-line da domenica per essere letto e scaricato in PDF. Rimandiamo di qualche settimana, tanto le nostre idee non scadono. Presto ci riprenderemo le strade, gli abbracci e la voglia di stare insieme per ora #resistiamo restando umani.

Il Collettivo

Referendum: Perché NO!

Il 29 Marzo saremo tutti chiamati ad un appuntamento importante con la Democrazia ma di cui si parla pochissimo: si tratta del Referendum Costituzionale riguardante le modifiche degli art. 56, 57 e 59 della Costituzione che prevede un taglio spropositato del numero dei parlamentari, passando dagli attuali 945 previsti dalla Legge Costituzionale n. 2/1963 a soli 600.

Continua a leggere Referendum: Perché NO!

Che fine ha fatto il Parco Giochi?

Il Parco Giochi deve aprire e l’apertura, che non è stata una priorità dell’Amministrazione Villano, lo deve essere della Terna Commissariale.

Per questo motivo abbiamo protocollato alla Commissione Straordinaria una richiesta per sollecitare un’azione in questo senso e soprattutto per capire quali sono le intenzioni in merito.

Continua a leggere Che fine ha fatto il Parco Giochi?

Venga il tuo regno: tutto quello che vi hanno nascosto sui centri commerciali

“Dobbiamo tenere viva nel mondo la sete dell’assoluto. Non possiamo permettere che prevalga una visione della persona umana secondo cui l’uomo si riduce a ciò che produce e ciò che consuma: è questa una delle insidie più pericolose del nostro tempo.” 

Papa Francesco

L’INCHIESTA
Vi siete mai chiesti cosa si nasconde dietro le vetrine scintillanti dei centri commerciali, ormai entrati nella nostra quotidianità? Il giornalista e scrittore Salvatore Minieri, nella suo ultimo libro intitolato Venga il tuo regno, pubblicato da Edizioni Italia, compie un’inchiesta minuziosa sul mondo della grande distribuzione che cambierà radicalmente il vostro punto di vista su un mondo che affoga tra consumismo e apparenze.

Continua a leggere Venga il tuo regno: tutto quello che vi hanno nascosto sui centri commerciali

Calce – Quando i migranti eravamo noi

“Forse, tra poco, saremmo stati anche noi dei senza patria,
costretti a girare da un paese all’altro, da una questura all’altra,
senza più lavoro né radici, né famiglia, né case”

Lessico famigliare, Natalia Ginzburg

LA STORIA

Sono parecchie le cose nascoste nelle famiglie, esattamente come in quella dei Coppola, famiglia originaria dell’hinterland a nord di Napoli, cresciuta con il lavoro edile. Tre generazioni si diramano all’interno di questa saga familiare intrecciando i loro legami da emigrati in Svizzera, uno dei paesi più ricchi ma anche più intolleranti d’Europa, dove razzismo e pregiudizio la fanno da padroni specie nei confronti dei Meridionali. Fa poca differenza se siamo noi italiani a scappare dalla miseria in cerca di futuro: ci sarà sempre qualcuno che senza un apparente motivo vorrà rispedirti a casa a calci nel culo, anche se una casa non ce l’hai e forse neanche “il culo”.    

Continua a leggere Calce – Quando i migranti eravamo noi

Basta Guerra!

Il 2020 è cominciato nel peggiore dei modi, con l’attacco americano sul territori o iracheno che ha portato alla morte, tra gli altri, del generale iraniano Qassam Soleimani.

Questo eccidio ha il significato di una dichiarazione di guerra che determina un’ulteriore escalation del conflitto globale cui assistiamo, inermi, da ormai troppi anni. L’ennesimo atto sconsiderato dell’amministrazione Trump, in difficoltà sul fronte interno, avvia la campagna elettorale gettando con agghiacciante cinismo dentro un’ulteriore spirale di violenza intere popolazioni già stremate da anni di guerra.

Continua a leggere Basta Guerra!

Soccombenza con domanda

La Conad aprirà…forse.
Il TAR accoglie la richiesta della società ricorrente e annulla il diniego dell’Ex Responsabile dell’Area Tecnica Adele Ferrante quindi “ne discende che il suddetto Comune, quale effetto conformativo della presente sentenza, dovrà riesaminare l’istanza della P.DF Supermercati s.r.l., assunta al protocollo comunale n. 17534 del 27 agosto 2018 (pratica n. 22/2018 Reg. PdC)”.

Continua a leggere Soccombenza con domanda