Riconversione. Il passato che ritorna

Riconvertire Terra dei Fuochi con la Canapa.
Oggi sembra una possibilità all’ordine del giorno eppure fino a poco tempo fa chi osava esprimere questo concetto veniva additato come pazzo o visionario.
Nell’Agro Atellano credo che uno dei primi che ha avuto apertamente la lucidità di esprimere un concetto in controtendenza circa la possibilità di curare le nostre terre martoriate con la Canapa sia stato il Maestro Salvatore di Vilio.
Poi ci sono stati i miei attuali compagni di viaggio in Città Visibile, Salvatore, Enzo e Orlando su tutti a cercare di contrapporre alla logica della “Costruzione” che imperava ad Orta di Atella, quella della “Riconversione”.
Eppure quella della canapa non è un’idea nuova, lo scrittore Carlo Gubitosa nell’inchiesta a fumetto del 2013 “Ilva – Comizi d’Acciaio” lanciava una proposta provocatoria per risolvere il problema della città pugliese: “Fare di Taranto una nuova Amsterdam, coltivare canapa al posto dell’industria per rilanciare il turismo”.
Oggi in un paese come il nostro che non ha niente più da perdere quella della riconversione poteva rappresentare una scelta politica di alto valore, riconvertire i terreni dell’ex-Eurocompost per esempio avrebbe restituito un po’ di credibilità ad una classe politica che negli ultimi anni è stata solo affaccendata nel fare affari.
Ma l’alto valore politico non lo puoi praticare se non lo hai e giustamente i nostri amministratori in quello sversatoio destinato a discarica più o meno abusiva altro non hanno visto che la possibilità di nuovi appartamenti.
E questa non è la storia di 20 anni fa ma storia recente.
Per questo noi crediamo alla riconversione delle terre ma non a quella dei politici, perché un amministratore che ha avallato di tutto negli ultimi due decenni, per quanto fulminato sulla via di Damasco non può mettersi a disposizione per un progetto di “Cambiamento” perché porta con se un concetto di fare amministrazione, sbagliato, malato, lo stesso concetto che ha affossato il nostro paese.

Figli di uno sport minore?

Pallamano. Uno Sport semi sconosciuto nel resto dell’Hinterland diventa e rappresenta ad Orta di Atella lo Sport del Popolo. Stagioni esaltanti, quelle degli anni ’80 e ’90 e una ribalta Nazionale che fece sognare molta Gioventù Ortese, poi il dimenticatoio e la dimenticanza fino al ritorno dell’ultimo decennio, gli atleti di ieri si fanno dirigenti, si prendono sulle spalle un movimento che non meritava di morire e lo riportano la dove si era fermato anni prima, ai successi e alla ribalta Nazionale.
Uno Sport bistrattato che non è mai riuscito a diventare anche nelle scelte politiche, punta di diamante di un Territorio, considerato ingiustamente come Sport Minore. Niente a che vedere con l’amato, coccolato e finanziato Calcio sul quale molta politica ha costruito anche consenso elettorale ma che quasi mai ha lasciato ricordi di vittorie e successi e quasi sempre gestioni opache e opere di sperpero pubblico, come lo Stadio Comunale che resta, immutato, vandalizzato e saccheggiato a futura memoria di ciò che è stata la classe politica dell’ultimo ventennio.
Un Campionato di B Mascile e la cantera delle Under 12, 14 , 16 e 18 per l’USCA il tempo sembra non essere mai passato, dalle partite all’aperto della De Gemmis al chiuso del PalaLettieri la Pallamano resta uno dei pochi punti di riferimento per Orta di Atella.
Ma oggi come ieri la partita più importante si gioca con le infrastrutture carenti e a volte fatiscenti.
C’è da affrontare immediatamente la questione della gestione delle strutture pubbliche, come il Parco Giochi e il Palasport, l’amministrazione deve decidere da che parte giocare questa partita e dare finalmente slancio a un movimento che per troppo tempo ha dovuto sbracciarsi per farsi spazio.
Una partita che si gioca sopratutto dalla parte di una gestione pulita e trasparente, nella quale speriamo l’Amministrazione segni nella porta giusta.

Orta di Atella è la Città dei Record!

No, non è uno scherzo ma una notizia reale, Orta di Atella è la città italiana con l’età media più bassa d’Italia appena 33,6 anni davanti a Livigno, località alpina in provincia di Sondrio, e a Gricignano di Aversa. Una bella soddisfazione, con ben 109 nascite nei primi quattro mesi dell’anno contro i soli 38 decessi, una media che sicuramente sarà andata in picchiata negli anni del “favoloso” boom edilizio, periodo durante il quale la popolazione ortese è passata dai 13.070 abitanti del censimento del 2001 ai 25.162 abitanti del 2011: cifre da capogiro!

Orta di Atella era diventata il Paese degli sposini e dei fiocchi rosa e celesti con tante giovani coppie che pensavano di fare l’investimento della loro vita in quel Paese fino a qualche anno prima quasi sconosciuto alle cronache e dedito perlopiù all’agricoltura; un Paese che nel giro di qualche anno prometteva una crescita esponenziale: ricchezza, investimenti nell’edilizia, posti di lavoro, clientele, bolla immobiliare in espansione e una classe politica tanto sfacciata e rampante quanto arrogante. A tratti sembrava di rivivere le celebri scene del celebre film Le mani sulla città di Francesco Rosi, e così è stato.

Nessuna città sembrava più adatta per quell’investimento ultradecennale chiamato mutuo, con i tassi di interesse e la rata da pagare che ogni mese vanno e vengono strozzando con un cappio al collo i consumi e il potere d’acquisto delle famiglie. E chissà quante giovani coppie si sono ritrovate con l’Autorità Giudiziaria che andava a contestare la legittimità di quell’investimento e il Comune che ritirava le licenze appena concesse partorendo i decreti di abbattimento delle costruzioni appena edificate.

Ma torniamo al Paese dei record, non dissimile dal Paese reale: non tutti sanno che se Orta di Atella nel 2016 sale sul podio come paese più giovane, nel 2014 già aveva conquistato un importante primato: Il paese tra i 10.000 e i 50.000 abitanti con il debito complessivo più alto! L’incidenza dei debiti totali (attivi e passivi) del Comune in relazione alle entrate correnti riscosse nel corso dell’anno è più del 400%, un grande risultato frutto di decenni di mala amministrazione: proprio il mese scorso l’Organo Straordinario di Liquidazione con delibera n.8 del 14/09/2016 stimava la massa passiva del Comune a c.a. 29 milioni di Euro. In pratica tenendo conto dei circa 27.000 abitanti attualmente residenti sul suolo ortese, il debito pro/capite supererebbe i mille euro, compresi i 109 neonati nei primi mesi di quest’anno alle cui famiglie vanno i nostri migliori auguri!

Certo non ci dispiacerebbe se l’attuale Sig. Sindaco – già vice-Sindaco nella passata Amministrazione – e l’Assessore al Bilancio (di oggi ma anche di ieri) ci spiegassero come si arrivi a tali cifre! E in effetti siamo di fronte ad un altro tentativo di record, quello nello stabilire la latitanza politica più lunga: cos’altro c’è da vincere?

Ma è altrettanto opportuno ribadire che noi cittadini non siamo in debito con nessuno! Paghi piuttosto chi ha lucrato e speculato sulle nostre vite e sul nostro desiderio di vivere una vita all’altezza dei nostri sogni e delle nostre aspirazioni!

di Francesco Comune e Giuseppe Cerreto

Acquedotti scpa: chi ci guadagna?

Nelle ultime settimane, la società che gestisce il servizio idrico è balzata agli onori delle cronache per aver arbitrariamente aumentato, se non raddoppiato, le tariffe sull’acqua fornita ai cittadini.

Ma cos’è la Acquedotti scpa e chi c’è dietro di essa a prendere queste decisioni?

Acquedotti scpa è una società consortile a prevalente capitale pubblico, con un socio di maggioranza privato, la Ottogas srl, che detiene il 49% delle quote e il restante 51% in mano a 9 Comuni tra cui Orta di Atella. Quest’ultimo detiene, nella quota pubblica, il maggior numero di azioni con il 37,75%, essendo il nostro Comune promotore della costituzione della suddetta società nel 2001.

Ovviamente la Acquedotti non lavora solo ad Orta ma anche nei restanti 8 Comuni che hanno quote nella società e anche in questi Comuni si è fatto sentire il fenomeno “cartelle pazze” con lo spropositato aumento delle tariffe.

Quindi, questa società lavora come una normale Azienda privata, con un Consiglio di Amministrazione formato da membri dei Comuni con Presidente il delegato di Orta di Atella e un Amministratore Delegato deciso nei fatti dalla società privata. Si gestisce l’acqua come una merce, la si vende si guadagna e si ripartiscono gli utili.

A cosa vuole portare questo ragionamento? Ad una conclusione semplice.

Nella Acquedotti scpa sulla carta comandano i Comuni, il CdA è in mano ad esso, il Presidente del CdA è nominato dal Comune di Orta di Atella quindi le linee programmatiche che l’Amministratore Delegato deve perseguire le decidono i Comuni.
Sulla carta.

Ritornando all’aumento delle tariffe dovuto alla decisione della società di eliminare le fasce di consumo “minimo impegnato” questa risulta essere una decisione avallata coscientemente dalle “quote” pubbliche della Società.

Quindi delle due l’una:

  • o i Comuni, con Orta di Atella in testa, hanno ritenuto di dare queste linee programmatiche circa l’aumento delle tariffe e quindi questa è una decisione prettamente politica a cui l’Amministrazione deve dar conto e deve relazionare ai cittadini
  • o i Comuni in questa Società non contano niente quindi Acquedotti è gestita solo dalla Ottogas srl che ne decide le linee programmatiche. Allora quella che all’apparenza sembra essere una Società Mista a prevalenza di Capitale Pubblico, non è altro che un baraccone nato da un lato per mascherare l’assoluta gestione privata di un bene pubblico e dall’altro per assicurare ulteriori poltrone ai Comuni che di fatto possono contare sull’Assessorato “Acquedotti”.

Perché c’è da dire che questa società ha elargito compensi per il solo Consiglio di Amministrazione e per l’Amministratore Delegato nel 2015 per € 152.912,69 mentre nel 2014 i compensi per CdA, Management, Sindaci Revisori e Comitato Tecnico Consultivo sono stati € 237.560,00. Ora non è chiaro se nel 2015 i Sindaci Revisori e C.T.C. non hanno percepito indennizzi o semplicemente questi non sono stati pubblicati.

A questo punto la domanda è quasi scontata.

Chi ci guadagna dalla gestione del servizio da parte della Acquedotti scpa?

I cittadini certamente no, con le tariffe che in alcuni casi sfiorano i 2 €/mc e con una gestione idrica a dir poco approssimativa.

Cosa garantisce questa gestione privata che una gestione totalmente pubblica, come del resto chiesto dalla maggioranza dei cittadini italiani con un referendum, non possa garantire?

E qui la richiesta non è tecnica ma tutta politica e dalla politica, quindi dall’Amministrazione, pretendiamo una risposta.

Cosa c’è da difendere se il servizio è carente e le tariffe stellari? C’è almeno un tornaconto economico per l’Ente? O si difende solo il privilegio di qualche poltrona in più per qualche amico e qualche amico di qualche ex amico?

Noi la risposta la conosciamo, ma per una volta vorremmo che l’Amministrazione facesse il suo dovere e rispondesse a chi gli paga lo stipendio, ovvero i Cittadini.

Orta di Atella: un paese senza Capodanno

Orta di Atella non avrà il suo Capodanno.

E non per colpa dei mille problemi che la attanagliano. Non per la ribalta mediatica che l’ha vista quest’anno sulle reti nazionali dall’Assenteismo dei Dipendenti Comunali alla Mensa Fantasma, non per la raccolta rifiuti che si blocca puntualmente nei periodi di maggiore criticità, né tantomeno per i bambini che non hanno una scuola e sono costretti a frequentare da accampati il Centro Pastorale.

Non sarà Capodanno non perché dei milioni di euro stanziati per il Polo Scolastico e il rifiacimento delle strutture esistenti non si ha più notizia.

Ad Orta non sarà Capodanno perché non ci sarà discontinuità nella linea politica che l’ha accompagnata negli ultimi decenni. Nessun consuntivo da fare quindi, semplicemente perché la partita non è chiusa, è sempre la vecchia gestione che ha dato una mano di intonaco alla facciata.

Che sia chiaro, noi non abbiamo niente contro questa amministrazione, da quando è stata eletta ha messo in campo la migliore politica del territorio degli ultimi decenni: “l’immobilismo”.

Erano anni che un’amministrazione non faceva così pochi danni. Erano anni che a 6/7 mesi dalla proclamazione (quanto tempo è passato? Sembra una vita) nessuno avesse qualcosa di importante da recriminare al Sindaco.

Una linea piatta dopo decenni in cui la curva del buon governo era stata abbondantemente sotto lo zero, è comunque un buon risultato.

Niente! Nemmeno una cosa!

E di questo vogliamo essere grati al Sindaco. Giusto il bilancio (che era atto dovuto), neanche l’ombra di una maggioranza e una minoranza politica, la giunta tecnica nominata e dimissionata e poi il vuoto.

Ora però nel ringraziare il Sindaco Mozzillo per i servizi offerti alla comunità, nel ribadire che ad oggi è stato il miglior Sindaco di Orta di Atella degli ultimi 30 anni gli chiediamo la cortesia di farsi da parte, perché apprezziamo lo sforzo che ci mette nel non fare danni ma Orta di Atella dopo la “politica del fare” di brancacciana memoria, dopo la sua “politica del non fare” ha bisogno della “politica che fa altro” rispetto a quello fatto finora, e lui questa politica non la può fare e non è in condizione di farla.

Non la può fare perché oltre ad essere il miglior Sindaco degli ultimi 30 anni è stato anche tra i peggiori Assessori all’Urbanistica della storia di Orta di Atella, perché è ricattato politicamente dalla propria maggioranza ma soprattutto perché semplicemente non ha nessun interesse a farlo.

Bisogna azzerare tutto, avere il coraggio di aprire il vaso di Pandora e guardarci dentro senza paura dei demoni del passato che ne potrebbero uscire ma soprattutto perché chi crea danni è il meno indicato a risolverli e certamente non processa se stesso o le esperienze amministrative del passato dove comunque è stato protagonista.

Qualcuno potrà dirci che le persone cambiano e soprattutto che è legittimo cambiare idea, d’altronde guardando al recente passato la più aspra opposizione a Brancaccio è stata fatta da chi a Brancaccio deve molto del proprio percorso politico. Offriamo quindi un’ancora al Sindaco, un’occasione per redimersi. Sospenda il Piano Urbanistico, oggetto di interpretazioni ambigue da parte del TAR; si faccia ricordare come il Sindaco che ha rimesso tutta la posta nel piatto e ha rimescolato le carte, come l’uomo che ha preso il PUC e l’ha stracciato, per mettere mano a un nuovo Piano Urbanistico Comunale improntato sul Bene Comune e i Servizi, concertato con i cittadini che punti al superamento della politica del Cemento e che si ponga lontano da qualsiasi sospetto di conflitto di Interesse.

Signor Sindaco regali un Capodanno al suo paese, regali un Anno Zero da cui ripartire, perché altrimenti Orta non ha niente da festeggiare e soprattutto non ha un nuovo anno da cominciare se quello che viene è accompagnato dallo stesso torpore di quello che è passato.

Se questa è una scuola

Di quanto si è costruito negli ultimi 20 anni ad Orta di Atella non si capisce come, con tutti gli oneri di urbanizzazione introitati dal Comune (?) e i fondi da anni stanziati il nostro paese non si sia potuto permettere una cittadella scolastica a modello scandinavo e molti cittadini siano costretti a far frequentare i loro figli in aule che ricordano le tendopoli post-terremoto a L’Aquila.

Perché quello che stanno vivendo molti bambini ortesi “sbarcati” al Centro Pastorale è la dimostrazione eclatante di come gli amministratori, negli ultimi anni, abbiano abdicato al ruolo dello Stato quale garante dell’educazione e della formazione, ma sopratutto di come si sia ritenuto superfluo “pensare” e “progettare” strutture che riuscissero a far fronte all’impennata demografica subita dal nostro Comune.

L’imperativo è stato “Costruire! Costruire! Costruire!” in nome di uno sviluppo che non è mai stato strutturale, in nome di una speculazione edilizia che è stata evidente, in nome di enormi disagi che vanno dalla mancanza di infrastrutture secondarie alla viabilità, ma mai in nome del Bene Comune.

E questa mancanza di persecuzione del Bene Comune non è un retaggio del passato, è rappresentato da scelte politiche che sono recenti e addirittura difese dall’attuale amministrazione, in ordine di tempo è impossibile non citare la sentenza del TAR sul Piano Urbanistico Comunale.

Tralasciando gli aspetti tecnici, che neanche la sentenza ha voluto affrontare, viene acclarato dai giudici amministrativi un dato politico eclatante,  che ci sono stati amministratori che col pretesto del risanamento urbanistico hanno lavorato non per il bene della Comunità ma per l’interesse proprio o di familiari a loro affini, amministratori, alcuni dei quali, ancora in carica.

Ed è paradossale che siano decenni che gli interessi degli amministratori cozzino sempre con quelli dei cittadini e che il loro operare sia sempre sintomo di “affari loro” da tutelare.

La percezione che la cittadinanza ha dall’amministrare è quella di un enorme conflitto di interessi che pervade la cosa pubblica, una sensazione che è diffusa anche se ancora non è ammessa da tutti che solo qualche cieco non riesce a decifrare.

Tra i ciechi si può certamente annoverare il vicesindaco Massimo Golino che, con le sue dichiarazioni (l’intervista integrale è su Caserta Focus) più che venire da Marcianise fa pensare che provenga da Marte: meno di un mese fa, in un’intervista a proposito del nostro paese, lo definiva: «un Comune che ha fatto leggere una crescita economica apprezzabile, articolata attraverso una politica di sviluppo urbano che ha consentito a tanti cittadini di capitalizzare le proprie risorse e a tante altre persone di scegliere di vivere ad Orta di Atella».

Ora, è ovvio che le dichiarazioni del vicesindaco non hanno creato nessun sussulto in quanto sembra essere abbastanza chiaro che l’esecutivo dell’amministrazione Mozzillo vale quanto il due di coppe quando la briscola è a bastoni, ma una reazione spontanea io l’ho avuta e una domanda al vicesindaco l’avrei voluta fare: Quali cittadini hanno capitalizzato da questa colata di cemento? E quelle persone che hanno scelto di vivere ad Orta di Atella scoprendo che neanche una strada senza fossi avrebbero avuto nel raggio di due km oggi rifarebbero quella scelta?

Ma è inutile chiedere ai marziani, come è inutile sperare che l’amministrazione si ponga seriamente il problema di continuare ad usare il Centro Pastorale come succursale scolastica perché, parliamoci chiaro: va bene essere legati alle tradizioni e va bene preservare lo spirito del Presepe, ma chiedere ai nostri figli di vivere in una grotta mi sembra esagerato.

Fotografia di Salvatore Pasovino D’Ambrosio