Luigi De Magistris ospite della Rassegna “Pretesti per Parlarne”

Sarà il sindaco di Napoli Luigi De Magistris l’ospite di punta del secondo appuntamento della Rassegna “Pretesti per parlarne”, organizzata dal Collettivo Politico – Culturale “Città Visibile” di Orta di Atella.
L’incontro è per sabato 11 novembre alle ore 18:00 presso la Sala Consiliare del Comune di Orta di Atella, in viale Petrarca.

Oltre al sindaco di Napoli, che presenterà il suo libro “La città ribelle – Il caso Napoli”, interverranno Vincenzo Tosti, portavoce del collettivo Città Visibile, Eleonora De Majo Consigliera Comunale di Napoli per Dema, e Paolo Chiariello, giornalista di Sky Tg 24. Introdurrà l’evento Giovanni Salomone del collettivo Città Visibile.
“La Rassegna, come si evince dal nome che le abbiamo dato, ha l’obiettivo di focalizzare sempre più l’attenzione sui problemi che attanagliano il nostro paese ed individuare delle soluzioni percorribili” precisa il portavoce di Città Visibile Vincenzo Tosti. “Quest’incontro vuole sottolineare come un governo diverso, distante dalla gestione malsana degli ultimi decenni, sia possibile anche per Orta di Atella. Noi proponiamo un modello di città nuovo, rivoluzionario, che sappia coinvolgere tutte le forze sane di questo paese e far convergere tutte le energie positive nella costruzione della città ribelle”.

“Rifiuti Zero” con Paul Connett ad Orta di Atella

Sarà Paul Connett, professore di chimica e tossicologia alla St. Lawrence University, nello stato di New York e tra i principali teorici della strategia “Rifiuti Zero” ad aprire la nuova edizione della Rassegna “Pretesti per Parlarne” organizzata dal Collettivo Politico Culturale “Città Visibile” in collaborazione con la Rete di Cittadinanza e Comunità.

Il prof. Connett parlerà della sua teoria riguardante la gestione dei rifiuti solidi urbani, tra i più fermi oppositori dell’incenerimento dei rifiuti la sua teoria composta da dieci fasi ruota a tre pilastri fondamentali: Riusare, Ridurre e Riciclare.

Interverranno all’evento che si terrà Domenica 8 Ottobre dalle ore 18:00 presso la Sala Consiliare di Orta di Atella anche Miriam Corongiu, contadina e attivista della Rete di Cittadinanza e di Comunità mentre la moderazione sarà affidata alla giornalista RAI Francesca Ghidini.

Questo incontro sarà un ulteriore occasione per contrapporre il nostro modello per affrontare il ciclo dei rifiuti rispetto a quello usato negli ultimi decenni” precisa Vincenzo Tosti, portavoce del Collettivo Città Visibile. “Vogliamo affermare in modo forte che esiste un’altra via a quella dell’incenerimento e delle discariche temporanee sulla carta e permanenti nei fatti come San Pancrazio e San Giorgio ad Orta di Atella dimostrano, vogliamo far conoscere la nostra visione di Città, dire agli ortesi che non dobbiamo rassegnarci alla mala gestione della cosa pubblica e vogliamo farlo partendo dalla gestione della raccolta rifiuti, non dall’emergenza ma dall’ordinarietà

Paul Connett, il massimo protagonista della crescente diffusione nel mondo di rifiuti zero, ripercorrerà i successi di questo nuovo percorso di cambiamento ed indicando come attuare concretamente i 10 passi per giungere ad una società a rifiuti zero, portando anche esempi di buone pratiche già iniziate in altri comuni e quindi riproducibili.

Le mani sulla città

La grande espansione urbanistica che ha interessato Orta di Atella, ciò che molti hanno avuto il coraggio di definire il volano per l’economia del nostro territorio, ha rappresentato in realtà una struttura tentacolare che ha preso alla gola un intera cittadina e l’ha strozzata. I danni di quelle scelte scellerate non si sono esaurite con la distruzione del territorio, ma hanno scavato un solco anche nell’animo sociale e culturale della nostra città.
Ancora oggi, quelle scelte ricattano e tolgono il sonno a migliaia di famiglie che non sanno il destino delle loro abitazioni, comprate col sacrificio di mutui e prestiti e diventate, nel giro di ventiquattr’ore, case abusive. I tentacoli di quella piovra sono lunghi e fanno danni anche nel presente.
Ancora oggi, i politici di professione sfruttano queste situazioni di difficoltà per promettere mari e monti a famiglie sconvolte e stremate da decenni di licenze ritirate, decreti di abbattimento, ricorsi e controricorsi; in questi drammi si annidano gli sciacalli, i mestieranti del “Me lo vedo io”. Ecco, abbiamo visto come ve la siete vista voi.
Ora, il dubbio non è più sul passato remoto, ma sul presente pronto a diventare futuro: questi tentacoli hanno manovrato, come marionette, le mani che hanno redatto il PUC? Il dubbio è legittimo, visto che a fronte di 401.634 mq di Standard Urbanistici mancanti come scuole, palestre, parcheggi e chiese, il PUC prevede altro cemento, ovvero altri 761 appartamenti da realizzare.
In questa fase quanto mai delicata per Orta di Atella, noi ci sentiamo in dovere di lanciare un appello a tutte le forze politiche del nostro territorio:
– Vogliamo fermare questi sciacalli che speculano sulle disgrazie cercando di raccattare qualche voto, promettendo soluzioni che in realtà non esistono?
– Vogliamo riscrivere un Piano Urbanistico fatto di alto impatto sociale, culturale e orientato al recupero delle aree degradate di Orta di Atella?
Ci siete a dare un segnale di discontinuità? Ma soprattutto, volete essere discontinui?
Noi ci siamo!
Vi aspettiamo sulla riva, del solito fiume, come sempre.

Per ritornare un paese normale, ci vediamo sulle barricate

La situazione politica e sociale di Orta di Atella ha bisogno, in questa fase quanto mai delicata, di trasparenza e atteggiamenti chiari e riconoscibili. Mai in politica si dovrebbe preferire l’accordo sottobanco ad un’intesa aperta e stipulata alla luce del sole, ma riteniamo che, in questo determinato periodo storico, questa esigenza sia ancora più urgente.

Tutti sappiamo cosa ha passato il nostro paese sotto l’aspetto finanziario, urbanistico e culturale e parlarne, per quanto qualcuno possa non concordare, non è né superfluo né stucchevole, ma è un esercizio di memoria che serve per costruire il futuro, avendo ben chiaro cosa non vogliamo essere e cosa non vogliamo più fare.

Non è nostra intenzione dividere Orta di Atella in buoni e cattivi, ma non ci si può chiedere neanche di dimenticare il passato con la filosofia del “Chi ha avuto ha avuto, chi ha dato ha dato”, perché noi sappiamo bene che “chi ha avuto” lo ha sottratto alla vivibilità e al patrimonio di un’intera cittadinanza. “Chi ha dato”, ha pagato un prezzo troppo alto.

Il nostro Collettivo ha un nome che è una dichiarazione politica: Città Visibile.

Ci chiamiamo così perché ispirati da un passo de “Le Città Invisibili” di Italo Calvino che parlando dell’Inferno quotidiano suggerisce due modi per uscirne. “Il primo riesce facile a molti: accettare l’inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più” e questo è quello che qualcuno ci invita a fare, “Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.”

Questo il nostro manifesto politico, il criterio con cui ci predisponiamo anche verso le altre forze politiche per costruire un’altra città, una città normale, una città visibile.

Non possiamo avere nulla in comune con quei movimenti e laboratori politici che nascono dopo “serie e stringenti riflessioni” ma sempre e solo quando si profila la tornata elettorale ed hanno come obiettivo non quello di costruire ma quello di vincere. Non è giusto che questo paese dopo anni sia ancora orfano di proposte politiche e pieno solo di capi bastone e portatori di voti. Non è giusto per Orta di Atella, non è giusto per gli ortesi.

Non possiamo avere nulla in comune perché crediamo che la nostra Città abbia in sé ancora delle forze inespresse, abbia ancora delle capacità, sia fatta ancora da cittadini disposti a mettersi al servizio del popolo e non abbiano come ultimo scopo quello di servirsi del popolo.

Non possiamo avere nulla in comune perché crediamo che nella nostra Città ci siano ancora delle energie figlie di quella politica che preferiva l’interesse pubblico a quello privato, le idee e la sfida di una proposta politica ai voti che un singolo “signore dei voti”  possa portare in dote.

Non possiamo avere nulla in comune perché crediamo che il popolo ortese abbia la voglia e la necessità di fare una scelta politica chiara e culturalmente onesta e siamo convinti che la proposta che vogliamo costruire possa avere questi requisiti.

Non possiamo e non vogliamo avere nulla in comune con le “gioiose macchine da guerra”, ma vogliamo invece mettere in comune il nostro tempo e le nostre idee con chi voglia condividere con noi un percorso politico che vada oltre questa tornata elettorale e sia legato alle radici culturali di Orta di Atella.

Ci siederemo da persone libere con persone libere, per porre al centro la questione di un paese che prima di tutto va liberato da vecchie trame e da grigi suggeritori che per anni,senza mai esporsi, hanno sussurrato alle orecchie di chi amministrava.

Vogliamo costruire una forza inclusiva, che sia basata sulla politica e sulla credibilità delle persone. Non faremo questioni di lana caprina, a patto che si abbia come discriminante la messa in discussione dei modelli finanziari, culturali e urbanistici che fino all’ultimo PUC hanno spadroneggiato nella discussione amministrativa, con quelle forze che si prefigurano come continuità o addirittura ne vogliono raccogliere l’eredità. Contro questi alzeremo muri e verso queste persone non abbiamo altro da dire che “Ci vediamo sulle barricate”.

Da una parte della barricata

Esiste un momento in cui si tirano le somme.
Quel momento, specialmente in politica, arriva sempre. Prima o poi arriva, c’è solo d’aspettare .
E può essere imbarazzante, perché quando si tira quella linea, le prime cose che si vanno a misurare sono la coerenza e la conseguenza. E la dignità. Esistesse un Tribunale Speciale della Coerenza, della Conseguenza e della Dignità, ad Orta di Atella fioccherebbero le condanne. Una intera classe dirigente di traffichini, mestieranti e saltatori di carri dietro al banco degli imputati.
Ma si sa, quel Tribunale non esiste. Al massimo esiste nella coscienza di ognuno. O almeno così dovrebbe essere.
Non esiste un solo parametro, un solo indicatore di sviluppo che vede, in questi ultimi vent’anni, il segno positivo ad Orta di Atella. Certo, è aumentata la speculazione edilizia, il grado di commistione tra affari e politica, il livello di pervasività della camorra nella gestione della cosa pubblica, la tendenza a saltare da uno schieramento all’altro per mera convenienza, che fosse per una licenza edilizia o per un loculo al cimitero, poco importa.
Una transumanza. Gente che eletta da una parte si ritrova dall’altra. Altri che dopo anni di inettitudine si accorgono, con sgomento, che l’amministrazione è immobile “dedita ai propri affari anziché all’interesse collettivo”. Con l’unico piccolo particolare che chi parla, mentre parla, spesso, in quella amministrazione c’è ancora.
Orta di Atella come laboratorio del grottesco, come luogo incantato dove tutto si può dire e pure il suo contrario. Le parole in libertà vigilata. Ma il momento del redde rationem, del rendere conto, si avvicina. Potrebbe essere domani, tra una settimana, tra un mese. Poco importa, verrà.
E sarà il momento in cui alle parole sciolte dovranno seguire i fatti, gesti conseguenti, la coerenza del pensiero. Il farsi da parte principalmente. Sarà impossibile nascondersi, impossibile negare dove si è stati finora. Da quale parte della barricata. Perché sarà la barricata a distinguere gli uni dagli altri. Da una parte il passato, dall’altra il futuro. Da una parte la stagione grigia, vergognosamente arida, il tempo trascorso invano; dall’altra, “un tempo bellissimo, tutto sudato, una stagione ribelle”,o almeno la possibilità di immaginarlo così.
Da una parte la voce di vecchi padroni che richiamano vecchi lustrascarpe, dall’altra una ventata d’aria buona, una finestra aperta. Da una parte i correi, quelli che ci sono stati, poi no, poi si, poi senza incarichi, poi in dissenso, poi sono rientrati, poi assessori, poi, poi, poi. Dall’altra chi ha scelto da sempre la sua parte della barricata, quella dove si parla di una messa in discussione totale del modello di sviluppo edilizio di Orta, dove si parla di una grande stagione di beni comuni, di diritti e doveri, dove la piramide sociale, così come la conosciamo oggi, va rovesciata.
Il tempo della barricata è vicino. Anzi è arrivato. Arriverà pure il tempo dei tatticismi, delle piroette, del “non c’ero e se c’ero dormivo”. Ma quello non sarà il nostro tempo.

La caduta e il tempo perso

Era stato fin troppo facile per noi predire il ruolo irrilevante dell’amministrazione Mozzillo. Come, per la popolazione ortese, è stato fin troppo facile capire che il gioco della poltrona è stato mantenuto in vita finchè non si fosse definito con certezza il destino giudiziario, e di conseguenza politico, di coloro che hanno monopolizzato la vita amministrativa di Orta di Atella negli ultimi 20 anni.

 

Il Sindaco Mozzillo, eletta e sostenuta da quello stesso apparato politico che ha ridotto a brandelli il tessuto culturale e sociale del nostro paese, ha tentato in corsa un colpo di coda, forse perchè fulminato sulla via di Damasco, o magari mosso dal tentativo di ripulirsi politicamente. Insomma, ha cercato di staccarsi da quelle logiche tentacolari del “politichese” che lo avevano messo la, come riempi posto. Senza però dimostrare quel decisivo scatto d’orgoglio, necessario per rompere definitivamente con certe trame politiche.

Detto altrimenti, Mozzillo ha tentato di rompere con la vecchia politica rimando però nel calderone politico di sempre. Certe logiche ti rendono prigioniero se non te ne affranchi del tutto. E’ una questione di educazione civica, di cultura politica. Questa esperienza amministrativa non poteva che finire in questo modo, semplicemente perché, le logiche che l’hanno prodotta sono le stesse che ne hanno decretato la fine. Sono andati in onda le solite modalità di reperimento dei voti e i soliti “magheggi” consociativi, cose capaci di produrre solo rapporti di forza facilmente riconoscibili, di fruttare solo qualche faccia nuova. Non certo una cultura politica diversa, veramente alternativa rispetto a quella che tanti disastri ha provocato  ad Orta di Atella.

D’altronde, la storia dell’amministratore Giuseppe Mozzillo era già segnata : più che per il suo presente di Sindaco, lui deve rispondere per il suo passato da Assessore all’Urbanistica al tempo dello Scempio edilizio. E nessuno scatto d’orgoglio avrebbe mai potuto cancellare questo.

Ad Orta di Atella rimane l’esperienza di due anni persi. Un’eredità pesante per un paese che non ha tempo da perdere. All’alba di questo nuovo oltraggio fatto alla “buona politica” rimane  un deserto veramente sconfortante, con l’assenza di partiti veramente credibili e la sensazione concreta che il prossimo destino amministrativo  sarà deciso su quel tavolo dove già più volte è stato smembrato il corpo del nostro paese.

Di contro, c’è per i Cittadini, che hanno guardato con schifo a quest’altro triste spettacolo, la possibilità di diventare protagonisti di una nuova primavera, di farsi portavoci di un riscatto che da troppo tempo tarda ad arrivare.

Non esistono giudizi politici per quello che è capitato ad Orta di Atella negli ultimi anni, c’è solo il voltastomaco e la consapevolezza che nulla di buono può nascere in continuità a quello che è stato finora.  

Siamo realisti. Esigiamo l’impossibile

Sembrerebbe un ossimoro. Invece è la realtà. È quello che sentiamo.
Proprio perché siamo con i piedi ben saldi nella realtà nella quale viviamo, esigiamo quello che ormai da decenni appare impossibile.
La sua radicale trasformazione.
Trasformare Orta di Atella.
Trasformarne i rapporti sociali, svincolando l’essere umano dal favore, dalla riverenza perpetua, ancorandolo invece al concetto sacrosanto del diritto e del dovere. Con la sottolineatura di entrambi i termini.
Trasformarne l’etica politica, cancellando dal senso comune l’idea che “così fan tutti”, che non esiste un rapporto di conseguenza tra quello che si dice e quello che si fa, stabilire che il primordiale manifesto politico di un singolo e di un organizzazione è dato da come vive, da quello per cui si batte, da quello per cui lotta.
Trasformarne la percezione che ha di se stessa. Anche a costo di essere brutali. E dunque indagare perché qui si muore di più, come si chiamano le sostanze che ci uccidono, chi è rimasto a guardare. Inchiodare le responsabilità. Noi lo chiamiamo Progetto Veritas.
Trasformare Orta di Atella.
Da città invisibile a Città Visibile. Siamo nati per questo. No, no, nessun delirio di onnipotenza. La consapevolezza di un impegno, di un compito storico, quello si. Perché di quello si tratta e su quello vi invitiamo a darci una mano.

Non pensate che sia venuto il momento di prendere in mano il destino di questa terra, dei nostri figli, di scrollarsi di dosso la polvere di chi ha sempre delegato pensando non fosse cosa sua ed è stato umiliato e offeso?
Chiedere, indagare, fare l’inchiesta. Conoscere qual’è lo stato delle scuole ad Orta di Atella, capire come paghiamo l’acqua e a chi, come viene gestito il ciclo dei rifiuti e come poter tendere all’obiettivo della riduzione ai minimi termini di quello che buttiamo.
“Il futuro non è più quello di una volta” ha scritto un tempo Paul Valery, ed è una frase che torna, eternamente adattabile alle epoche che si succedono. Ma non è così che appare il futuro? Non appare come un gigantesco punto interrogativo? Come uno spazio che anzichè allargarsi si restringe fino a diventare un imbuto.
Va posta dunque la questione del futuro, e dentro di essa una grande, nuova “questione ortese”, nel tentativo di connettere una lettura globale della società devastata dal sistema economico e relazionale del capitalismo dei tempi nostri ad un “che fare” locale, ortese, fatto di “scarpe rotte eppur bisogna andare”.
Questa tessitura non può prescindere dalla Politica. Ma non quella che abbiamo conosciuto in questi anni. Quella di quelli buoni per tutte le stagioni, di trafficanti e traffichini. Un’altra politica.
Quella di chi si allea con il futuro.