Selfie & Propaganda – Professori senza gloria

Ad Orta di Atella i selfie piovono come coriandoli.
Il Villano di spalle, il vecchio dentro, ed anche il correttore di h.

Sì, tra una tavola rotonda sul PUC e l’altra, un consigliere, per la verità non il più dotto, si diletta a correggere sui social i cittadini che mancano la h. Ritoccatore di foto e filosofo della scombinazione della punteggiatura il consigliere corregge, corregge, corregge. Scorregge.

Si dice che il vecchio dentro si sia presentato al tavolo con la spada e la maglia di ferro. “Perchè” gli fu chiesto? Lui rispose: “Scusate, ma non è la tavola rotonda?”, io faccio Re Artù.

Non fosse cosa terribilmente seria questa del PUC, farebbe proprio ridere. Non fossero così divertenti questi dell’amministrazione Villano, farebbero proprio piangere. Ehm…

Una variopinta congerie di amministratori fatta passare per squadra di esperti edotta da professoroni del PUC. Pare che non sappiano dove andare, i variopinti, e che non sentano nemmeno il bisogno di confrontarsi. Eppure millantano competenza e soluzioni, selfie e propaganda. Esperti in speculazione e amenità varie, alcuni variopinti amministratori, maghì e prestigiatori annessi, postano post risolutivi. Risolveremo qua, non vi preoccupate là.

Brancolano nel buio, avrebbe detto Hegel, raschiano il fondo del barile avrebbe aggiunto Benedetto Croce.

Il leghista che è in loro sta mordendo un pò il freno, a dire il vero. Pare che girovaghi per la casa comunale alla ricerca di amministratori di un altro colore. Pare che abbia proposto di rifare il PUC di sana pianta e di abbattere tutte le case non bianche. Tranquilli, sereni. Il prossimo selfie di facce sorridenti arriverà a breve.

Oh. Stasera, quando metterete a letto i vostri figli, dategli una carezza, e dite, questa è la carezza del vecchio dentro. Colui che dovunque può saltare, fingitore di politica, pare che vada in giro per Orta insieme al leghista che c’è in loro. Andrebbero alla ricerca di fossi e tombini da “apparare” o lampadine da cambiare per poi farsi il selfie.  Un passante ha riferito di averli visti chini su un fosso. Prima di “appararlo” pare che il vecchio dentro, strettosi al leghista che è in loro, abbia chiesto al fosso se fosse italiano. Il vecchio dentro ha chiesto, ma il fosso, interpellato, non ha risposto.

BREVE FOTOGRAFIA SERIA (E TRISTE)

"Non fossero così divertenti questi dell’amministrazione Villano, farebbero proprio piangere" è proprio vero, purtroppo.

Non hanno una visione complessiva della città, non lavorano per i truffati della stagione del cemento ne tantomeno vogliono affrontare il problema coinvolgendo la comunità.

Un tavolo improvvisato spacciato per tecnico, ma di tecnici della Casa Comunale neanche l'ombra, di cosa si discute senza quelle figure che, nel bene o nel male, conoscono questo Piano Urbanistico, senza quelle figure che conoscono le criticità del territorio, che già sanno quali azioni sono state messe in campo e con che risultato.

Un tavolo improvvisato spacciato per politico ma che di politico non ha un bel niente, nessuna concertazione con la comunità, con i gruppi politici, con le associazioni o perlomeno con le forze di maggioranza.

Il Sindaco Villano sta costruendo il proprio cerchio magico all'interno della Maggioranza e solo se si è all'interno di quel cerchio si ha diritto ad essere ascoltati, al di fuori si è irrilevanti, che si sia di maggioranza o di opposizione non importa.
L'autoreferenzialità come cardine del lavoro amministrativo soprattutto per quanto riguarda il P.U.C. e la  programmazione Urbanistica del territorio.

Questo era il nuovo libro da scrivere?
Fatevi i selfie, che è meglio.

“Villano si fermi!” Non siamo i soli a dirglielo

Ieri dalle colonne di Cronache di Caserta l’Avv. Renato Labriola ha lanciato un monito al Sindaco Andrea Villano e alla sua maggioranza con parole che non lasciano adito a fraintendimenti: “Fermate la variante, il PUC è farlocco”.

Dichiarazioni che l’Avvocato amministrativista di Caserta ha rilasciato in seguito alla bocciatura della Mozione presentata dall’opposizione per Revocare il P.U.C.

Ho appreso […] della volontà di procedere con una variante, da tecnico ritengo che questa alternativa costituisca un pericolo gravissimo […] la Procura della Repubblica ha già evidenziato la presenza di forti ombre di illiceità derivanti da condotte penalmente perseguibili. Nell’avviso di conclusione delle indagini si parla di “PUC farlocco”.

La posizione di Labriola è molto chiara, parte dalle stesse perplessità che avevano spinto Vincenzo Tosti, Marilena Belardo, Vincenzo Gaudino e Vincenzo Russo e chiedere la revoca del Piano Urbanistico e cioè dall’evidenza (secondo la Procura) di uno strumento che risponde ad una logica affaristica, e chiede a questa amministrazione di attendere l’esito delle indagini prima di prendere qualsiasi decisione.
L’avvocato Labriola per cortesia istituzionale, presumiamo, non si spinge a dire che sarebbe stato meglio togliere dall’imbarazzo un intera cittadina con la Revoca e programmare una nuova pianificazione, incentrata sui servizi, non lo dice ma la sua esigenza a rendere pubblica la propria posizione nasce proprio dalla bocciatura della Revoca proposta da parte dell’opposizione.

Chi è l'Avv. Renato Labriola?

Renato Labriola è il Commissario ad Acta, nominato dalla Provincia, del Piano Urbanistico Attuativo, i famosi PUA postumi previsti dal Piano Urbanistico Comunale, denominato “Arcobaleno” richiesto dall’Immobiliare Aprovitola SpA. Ne abbiamo già parlato all'indomani della nomina da parte della Provincia di Caserta qui

Ma quale Università! La Variante verrà redatta da un Professionista Esterno!

Dalla politica del fare alla politica del fake.
L’Amministrazione Villano oramai vive solo di proclami e di regolamenti di conti interni.
Era il 15 settembre e il Sindaco Villano, dal suo profilo Facebook, così sentenziava:

La #notizia sembra apparentemente tecnica ma in realtà contiene forse una delle scelte più importanti dell’amministrazione che rappresento: la decisione di annullare l’incarico ad un professionista esterno per le varianti al piano urbanistico imposte dal Tribunale Amministrativo e contestualmente di affidarle al Dipartimento di Ingegneria dell’Università degli studi della Campania, “Luigi Vanvitelli” a cui chiederemo supporto tecnico e scientifico

Avranno quindi deciso di fare come aveva proposto due giorni prima l’Assessore all’Urbanistica Luigi Macchia, ovvero di revocare l’incarico a professionisti esterni per affidare la redazione del P.U.C. all’Università come hanno poi annunciato? Ma manco per idea!
I nostri eroi infatti, dopo aver deciso di revocare l’incarico al Tecnico che doveva adeguare le Tavole del P.U.C. secondo le indicazioni del T.A.R., dopo aver optato per una Variante Generale al P.U.C., hanno deciso di affidare la redazione della variante a…UN PROFESSIONISTA ESTERNO!

E l’Università che fine ha fatto? L’ateneo offrirà un supporto al redattore (se offri supporto al redattore significa che non sei tu il redattore) e, nel frattempo, l’Amministrazione chiede al Dirigente di quantizzare l’entità della spesa di tale supporto.
Non vogliamo addentrarci nelle scelte politiche in campo urbanistico di questa maggioranza (a questo penseranno i nostri rappresentanti domani in Consiglio Comunale), ma evidenziare ancora una volta le difficoltà di una maggioranza che arranca e va avanti solo a proclami.

P.S. Ci vediamo domani in Consiglio Comunale dalle ore 11:00.

Perché revocare il P.U.C.?

La seconda Mozione tra quelle che il 7 Settembre 2018 i Consiglieri Vincenzo Tosti e Marilena Belardo del Gruppo Consiliare "Costruire Alternative" a cui fanno riferimento il nostro Collettivo, demA e Diversamente Ortesi, Vincenzo Russo (Movimento 5 Stelle) e Vincenzo Gaudino (Democratici e Riformisti) hanno presentato. 
Le passeremo in rassegna illustrandole e cercando di capire per ognuna cosa ci ha spinto a presentarla.

Se il Piano Urbanistico Comunale, approvato con delibera del Consiglio Comunale in data 8 luglio 2014, non solo è stato realizzato in aperto contrasto con il PTCP e con il parere degli organismi provinciali, ma, soprattutto, non assolve la sua funzione essenziale di riequilibrare il territorio, tutelando il tessuto urbano da ulteriori tentativi di devastazione ambientale;

Continua a leggere Perché revocare il P.U.C.?

Se questa è una scuola

Di quanto si è costruito negli ultimi 20 anni ad Orta di Atella non si capisce come, con tutti gli oneri di urbanizzazione introitati dal Comune (?) e i fondi da anni stanziati il nostro paese non si sia potuto permettere una cittadella scolastica a modello scandinavo e molti cittadini siano costretti a far frequentare i loro figli in aule che ricordano le tendopoli post-terremoto a L’Aquila.

Perché quello che stanno vivendo molti bambini ortesi “sbarcati” al Centro Pastorale è la dimostrazione eclatante di come gli amministratori, negli ultimi anni, abbiano abdicato al ruolo dello Stato quale garante dell’educazione e della formazione, ma sopratutto di come si sia ritenuto superfluo “pensare” e “progettare” strutture che riuscissero a far fronte all’impennata demografica subita dal nostro Comune.

L’imperativo è stato “Costruire! Costruire! Costruire!” in nome di uno sviluppo che non è mai stato strutturale, in nome di una speculazione edilizia che è stata evidente, in nome di enormi disagi che vanno dalla mancanza di infrastrutture secondarie alla viabilità, ma mai in nome del Bene Comune.

E questa mancanza di persecuzione del Bene Comune non è un retaggio del passato, è rappresentato da scelte politiche che sono recenti e addirittura difese dall’attuale amministrazione, in ordine di tempo è impossibile non citare la sentenza del TAR sul Piano Urbanistico Comunale.

Tralasciando gli aspetti tecnici, che neanche la sentenza ha voluto affrontare, viene acclarato dai giudici amministrativi un dato politico eclatante,  che ci sono stati amministratori che col pretesto del risanamento urbanistico hanno lavorato non per il bene della Comunità ma per l’interesse proprio o di familiari a loro affini, amministratori, alcuni dei quali, ancora in carica.

Ed è paradossale che siano decenni che gli interessi degli amministratori cozzino sempre con quelli dei cittadini e che il loro operare sia sempre sintomo di “affari loro” da tutelare.

La percezione che la cittadinanza ha dall’amministrare è quella di un enorme conflitto di interessi che pervade la cosa pubblica, una sensazione che è diffusa anche se ancora non è ammessa da tutti che solo qualche cieco non riesce a decifrare.

Tra i ciechi si può certamente annoverare il vicesindaco Massimo Golino che, con le sue dichiarazioni (l’intervista integrale è su Caserta Focus) più che venire da Marcianise fa pensare che provenga da Marte: meno di un mese fa, in un’intervista a proposito del nostro paese, lo definiva: «un Comune che ha fatto leggere una crescita economica apprezzabile, articolata attraverso una politica di sviluppo urbano che ha consentito a tanti cittadini di capitalizzare le proprie risorse e a tante altre persone di scegliere di vivere ad Orta di Atella».

Ora, è ovvio che le dichiarazioni del vicesindaco non hanno creato nessun sussulto in quanto sembra essere abbastanza chiaro che l’esecutivo dell’amministrazione Mozzillo vale quanto il due di coppe quando la briscola è a bastoni, ma una reazione spontanea io l’ho avuta e una domanda al vicesindaco l’avrei voluta fare: Quali cittadini hanno capitalizzato da questa colata di cemento? E quelle persone che hanno scelto di vivere ad Orta di Atella scoprendo che neanche una strada senza fossi avrebbero avuto nel raggio di due km oggi rifarebbero quella scelta?

Ma è inutile chiedere ai marziani, come è inutile sperare che l’amministrazione si ponga seriamente il problema di continuare ad usare il Centro Pastorale come succursale scolastica perché, parliamoci chiaro: va bene essere legati alle tradizioni e va bene preservare lo spirito del Presepe, ma chiedere ai nostri figli di vivere in una grotta mi sembra esagerato.

Fotografia di Salvatore Pasovino D’Ambrosio