Soccombenza con domanda

La Conad aprirà…forse.
Il TAR accoglie la richiesta della società ricorrente e annulla il diniego dell’Ex Responsabile dell’Area Tecnica Adele Ferrante quindi “ne discende che il suddetto Comune, quale effetto conformativo della presente sentenza, dovrà riesaminare l’istanza della P.DF Supermercati s.r.l., assunta al protocollo comunale n. 17534 del 27 agosto 2018 (pratica n. 22/2018 Reg. PdC)”.

Continua a leggere Soccombenza con domanda

Conad: le domande sorgono spontanee

Un’altra batosta, come se piovessero, per il Comune di Orta di Atella sull’affaire Conad, una randellata che arriva in un momento particolarmente turbolento, con il panorama commerciale ortese che vede, una dopo l’altra, piccole e grandi attività da anni presenti sul territorio costrette a chiudere per gli strascichi delle politiche del cemento degli anni passati. 

Il colosso della Grande Distribuzione in modo beffardo rischia di aprire i battenti in un edificio considerato abusivo sia per il vecchio P.R.G. sia per il P.U.C., ricevendo via libera dal Tribunale Amministrativo il quale obbliga il Comune a concedere l’autorizzazione ad aprire entro 60 giorni adempiendo una precedento sentenza di Gennaio 2019.

Rischiamo di non capire, dunque facciamo un pò di chiarezza: Continua a leggere Conad: le domande sorgono spontanee

E vennero i giorni dell’abbandono!

Il Parco Commerciale “Le Fabulae” di Orta di Atella sta per chiudere.

Ricordo che si respirava un aria di festa contagiosa il giorno della sua inaugurazione, era il dicembre 2006, poco prima di natale, e una fiumana di persone accorreva da ogni luogo per poter esserci nel giorno in cui un ennesimo tempio dell’effimero apriva le sue porte ai potenziali clienti.

Quelli erano i giorni dell’abbondanza per Orta di Atella e la nascita del Parco Commerciale della famiglia Damiano rappresentava solo l’aspetto più evidente e megalomane del delirio urbanistico coevo. Era come se un’ubriacatura collettiva avesse acriticamente coinvolto la quasi totalità della popolazione ortese, come se ognuno si sentisse il dovere di investire più un soldo di speranza sul futuro certamente radioso del proprio paese. Ricordo che pochi erano le persone che muovevano delle critiche sulla bontà dell’intera operazione. C’era chi faceva notare che le strade che conducevano al Fabulae erano totalmente inadeguate per ospitare un flusso di auto che, evidentemente, si voleva ingente. Pochissimi altri, i più temerari, osavano notare che siffatto progetto non era inserito in un più ampio piano commerciale ; che esso rappresentava solo il parto più evidente di quel coacervo di vizi sistemici che andavano (e vanno ancora) dalla cementificazione selvaggia del territorio alla affarismo speculativo, dalla gestione privatistica della cosa pubblica al clientelismo consociativo ; che così come era stato concepito, aveva scarse possibilità di durare nel tempo con delle ricadute positive sull’intera comunità ortese. perché i progetti imprenditoriali manchevoli di un’anima autenticamente socializzante durano fintanto che non si esaurisce la vena speculativa che li tiene in vita. Insomma, non mancava chi rifletteva sul fatto che, senza l’adozione degli adeguati strumenti urbanistici, un’impresa privata come “Il Fabulae” era inevitabilmente destinata a rimanere una cosa fine a se stessa, figlia esclusiva, oltre che delle legittime (?) mire affaristiche della famiglia Damiano, della bulimia tutta contemporanea di erigere sempre nuovi santuari per l’individuo consumatore. Con scarse possibilità di instaurare un legame virtuoso con il tessuto connettivo del paese.

Ma erano veramente pochi questi individui, derubricati facilmente come i soliti “sfigati” che sempre e comunque devono muovere delle critiche. perché la cosa veramente importante, certa, inopinabile per il senso comune dominante, era che Orta di Atella aveva il suo “centro commerciale, il suo personale Agorà consumistico, la sua piazza liquida. Il premio meritato per una comunità ampiamente resasi complice della commistione indifferenziata tra pubblico e privato.

Come è stato il rapporto tra Orta di Atella e “Le Fabulae”?

Aldilà di ogni considerazione soggettiva, frutto delle inclinazioni culturali di ognuno e quindi di modi diversi di interpretare le cose, credo si possa dire in maniera abbastanza oggettiva che, conclusosi il periodo di sbornia iniziale, rappresentato per la cittadinanza ortese dall’elemento “novità”, il Parco Commerciale ha instaurato con il paese un rapporto tutt’altro che dinamico, finendo per rimanere nella sostanza un corpo esterno ed estraneo. La colpa è da ascriversi certamente alla gestione dei proprietari, dimostratosi poco attrattivi come gestori di un centro commerciale il quale, proprio dell’attrazione continua di interessi economici diversificati e dal legame forte da stringersi con il milieu urbano circostante, deve fare i suoi fulcri vitali. D’altro canto, la famiglia Damiano, nel giro relativamente breve di pochi anni, da leader nazionale nel campo dell’elettronica di consumo, telefonia ed elettrodomestici (per la cronaca, si ricordi solo che il marchio Eldo era arrivato a dare il nome alla squadra di basket di Napoli militante in A1, e che il suo amministratore delegato, Onorato Damiano, si meritò un servizio dedicato sulle pagine economiche di “Repubblica”) ha visto progressivamente sgretolarsi la sua aurea attività.

Ma la colpa è anche di chi ha gestito la politica ad Orta di Atella negli ultimi decenni, incapaci di connettere la nascita di “Fabulae” all’interno di un più articolato piano commerciale teso, per esempio, al coinvolgimento fattivo di quanti più soggetti dell’imprenditoria commerciale del paese. Indifferenti, perché affatto lungimiranti evidentemente, all’evenienza concreta di ritrovarsi con un gigante di cartapesta in mezzo ad un deserto produttivo (e il vasto parcheggio che circonda il Parco Commerciale, sempre sgombro di auto, si presta benissimo a questa immagine). Si sono solo preoccupati di favorire espropri di terreni e di dare concessioni di comodo. Comportandosi, come quasi sempre, da soggetti privati quanto sono delle entità pubbliche.

“Le Fabulae” sta per chiudere si diceva all’inizio, la Conad, specialista nel comparto alimentare, è stato l’ultimo esercizio commerciale ad andarsene, in precedenza, l’uno dopo l’altro, tutti i negozi hanno dovuto abbassare la serrande. I motivi sono stati diversi, il principale si riferisce ai costi di gestione troppo elevati, sproporzionati rispetto al flusso di persone che di media visitano quotidianamente “Il Fabulae”, poi, la mancanza di quelle attività ludiche suscettibili di tenere viva l’attenzione intorno al centro commerciale, quindi la scarsa propensione dei proprietari ad investire nei fisiologici rinnovamenti della struttura.

Ma non è del tutto corretto dire che “Le Fabulae” chiude, perché esso risorgerà sotto altre forme. Una mega palestra dovrebbe essere ospitata al suo interno, si parla poi di un centro estetico, di piscine (?), si vocifera che sarà preso in gestione da una società milanese con il compito di rilanciarne le sorti. Insomma, le cosiddette voci di popolo si rincorrono per nutrire congetture di vario genere. Ma di questa storia rimangono i fatti, che sono come dei macigni quando sono ragionevolmente argomentati. Un fatto è che se il Fabulae doveva rappresentare la pietra angolare di un più ampio sviluppo commerciale del paese, esso ha fallito su tutta la linea. Un altro fatto è che la chiusura del Conad, l’esercizio commerciale che funzionava di più e meglio data la comodità degli orari che praticava, ha comportato il licenziamento immediato di oltre 120 lavoratori. Un altro fatto ancora e la totale latitanza della politica in questa storia. Gli amministratori ortesi, di ieri e di oggi (che poi è la stessa cosa), mai si sono preoccupati di valutare lo stato di salute del Parco Commerciale, assistendo indifferenti al suo progressivo decadimento. Ne tanto meno si sono posti il problema di concertare una soluzione fattibile per evitare che circa settanta famiglie rimanessero senza uno stipendio su cui poter contare. Poco si poteva fare probabilmente, ma mostrarsi indifferenti verso ciò che ti succede dentro casa significa palesare poco interesse proprio verso ciò che ti dovrebbe principalmente, civilmente e doverosamente, interessare.

Dopo i giorni dell’abbondanza vennero quelli dell’abbandono, è la storia politico amministrativa di Orta di Atella degli ultimi due decenni almeno : indifferenza pubblica e interessi privati come facce di una stessa medaglia. E la nascita e decadenza del Parco Commerciale “Le Fabulae” ne rappresenta uno specchio fedele. Solo uno però.