La società del rischio e l’incertezza del presente

Ogni individuo nella propria vita agisce con l’obiettivo di costruire il proprio futuro e, non di rado, si riscontrano casi di incertezze e preoccupazioni profonde, a cui non sempre si riesce a dare una spiegazione. Da ciò derivano diverse domande: cosa provoca l’angoscia esistenziale dell’uomo contemporaneo? Davvero la responsabilità di tanto malessere è da attribuirsi esclusivamente al singolo?
Uno spunto di riflessione ci è offerto da un’interessante teoria del Sociologo Tedesco Ulrich Beck, nella quale la società contemporanea è indicata come “Società del Rischio”. Parliamo cioè di un’epoca, la nostra, in cui la vita è categoricamente vincolata all’attività. L’esistenza dell’uomo deve essere dinamica, attiva, anche quando questi deve prendere una decisione: le istituzioni, afferma infatti Beck, impongono al singolo non solo l’obbligo di operare una scelta, ma anche di assumersi le responsabilità delle relative conseguenze. Se pensiamo inoltre che ciò che le istituzioni e le organizzazioni non padroneggiano incombe sugli individui, comprendiamo perché Si delinea una società contemporanea individualizzata, in cui l’Io predomina sul Noi. In un simile scenario di autodeterminazione imposta, le possibilità di errare sono molto elevate e l’eventuale fallimento sarà avvertito come una sconfitta personale. Da ciò derivano le ansie e i timori, che pervadono ogni individuo. Spieghiamo dunque queste concezioni astratte con esempi pratici: chi non ha mai udito o anche pensato “Lo Stato non mi da certezze né sul mio futuro né sul mio presente”, “Mi impegno tanto ma non riesco ad ottenere nessun tipo di stabilità, che sia economica,lavorativa o personale”. Sono queste le ripercussioni di una società egocentrica: si è soli nelle responsabilità, si è soli nelle preoccupazioni, si è soli nel dolore. Una condizione di abbandono che progressivamente diventa impotenza e poi passiva rassegnazione ad ogni sopruso, ad ogni violazione della dignità e dei diritti dell’uomo e allora, alla luce di tante riflessioni, il monito di Giorgio Gaber ” Libertà è partecipazione” non ci sembra più così utopistico: anche nella frenesia e nell’incertezza dei tempi moderni non bisogna mai smettere di pretendere ciò che spetta di diritto, mai soccombere alla rassegnazione e al pessimismo perché solo con la presenza e l’intervento attivo di un Noi , che lotta per un obiettivo comune, sarà ottenuta la libertà.

L’eco della tela

Grande successo per l’esposizione L’eco della tela andata in mostra dal 3 all’11 giugno presso i giardini del suggestivo chiostro settecentesco del Convento di San Donato, vero e proprio gioiello artistico nel cuore di Orta di Atella.
La mostra, organizzata dall’associazione Presepe e dintorni, ha reso protagonista l’arte nelle sue espressioni pittoriche: i visitatori hanno potuto ammirare oltre cinquanta opere appartenenti ai più importanti artisti attivi sul territorio atellano tra i giardini e le meravigliose volte affrescate del convento.
Un modo per riavvicinare l’arte ad un territorio che ha perso la sua bellezza originaria a causa della speculazione e del cemento che hanno invaso il nostro vivere quotidiano, negandoci ogni contatto con la realtà sensibile: agli organizzatori della mostra va infatti riconosciuto il grande impegno impiegato nella valorizzazione del grande patrimonio artistico e culturale atellano nonché il merito di aver saldato il linguaggio universale dell’arte a forme, colori, espressioni e suggestioni pittoriche trasformando Orta di Atella in un piccolo museo a cielo aperto.
Un’occasione inoltre per ringraziare Milena e Martina, curatrici della mostra, convinte come noi che il riscatto di Orta di Atella debba passare necessariamente attraverso la riscoperta della bellezza e la sua valorizzazione